Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Washington

AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com

Indice  »  Volare senza paura - Fondata da Luca Evangelisti  »  Il Vaso di Pandora

 

 


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 01/12/2009, 16:34 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
É arrivato il momento di comprare i biglietti per febbraio ed giá ansia, ma questa volta so riconoscerla perfettamente, almeno credo. Non è ansia da volo e paura di volare ma ansia da “viaggio”.
Sono cambiate molte cose in me ma molti problemi sono sempre gli stessi, se non sono peggiorati, e vorrei capire e ragionare insieme a voi, se sto facendo dei passi indietro o se è vero che questi problemi hanno giustificato ed hanno influito in parte sulle cause dell’ansia da volo. Prima l’ansia era al 100%, ora è al 50%, forse meno, non so perché non ho ancora comprato i biglietti, lo sapró fra qualche giorno. Quest’ansia “rimanente” è perché nonostante le mie battaglie conquistate, alcune problematiche sono rimaste invariate.

Arrivo al dunque: quando devo comprare un biglietto, mi ci vogliono quasi due settimane di estenuante ricerca su internet, con discussioni senza fine in casa (se non litigi) perché non riusciamo a metterci d’accordo, mio marito mi trova le “sue” soluzioni, che a me non vanno mai bene.
Finalmente trovata la soluzione, piú o meno valida e comprati i biglietti, sono giá pentita della scelta. Mi riferisco alla scelta dell’itinerario o meglio al tour de forze che mi aspetta.
Premetto che viaggio sempre con mio figlio e quasi mai con mio marito. Anche adesso andró da sola con il bambino.
Se penso ai miei viaggi, devo dire che sono quasi un’impresa titanica, mi sembra di andare in capo al mondo ed invece sono solo 2800 km da percorrere.
L’ultima volta è stato il colmo, 3 aerei (sono arrivata fino a Roma per andare a Torino), una notte passata passeggiando per l’aeroporto di Madrid perché non c’era un posto a sedere e mio figlio non voleva sedersi per terra, il volo era alle 6 del mattino. 24 ore di viaggio in totale senza dormire, siamo arrivati in coma. :viola:
Ma di solito ci vogliono quasi 20 ore, coincidenze impossibili, orari orrendi, partire o arrivare di notte, 8 o 9 ore di attesa tra un volo e l’altro con mio figlio che giustamente si lagna perché ha sonno, è stanco e si annoia. Ed io non so piú cosa fargli fare per ingannare l’attesa. Ormai conosciamo a memoria l’aeroporto di Madrid, tutti i suoi terminal, le aere fumatori (e meno male che ci sono), le macchinette dell’acqua ma soprattutto i bagni! :mrgreen:
Oppure uno scalo di un’ora e mezza scarsa, correndo per non perdere l’aereo.
E poi arrivare a Malpensa alle 11 di sera per poi prendere autobus o treno (se non perdiamo l’ultimo) e arrivare a Torino in piena notte e camminare fino a casa dei miei, con i bagagli, un bambino morto di sonno e la paura di essere aggrediti. Non voglio e non posso disturbare nessuno a quell’ora della notte. Stessa cosa al ritorno, prendere l’autobus delle 3 di notte perché il volo da Milano è alle 6 del mattino. E non ho nessuno che ci puó accompagnare, quindi a piedi.
La soluzione semplice ci sarebbe, prendere un taxi …. Ma il marito non vuole assolutamente (e quel che vedremo … :ira: ) perché dice che costa piú il taxi del low cost, ma io dico chi se ne frega …
Se viaggiassi da sola non mi farei tutti questi problemi, non mi peserebbero gli orari e nemmeno le lunghe attese, anzi, ne approfitterei magari per leggere, ma con un bambino è diverso, diventa veramente stressante.
Tutto questo stress è un deterrente per me, che a volte ho rinunciato a partire per gli orari.
Gli orari comodi ci sono, ma non certo con i low cost, perché c’è poca scelta, pochi voli in un giorno.
All’inizio della mia permanenza a Tenerife non avevamo problemi, viaggiavo ogni due mesi ed in poche ore ero a destinazione, con le compagnie e gli orari che io sceglievo. Non ricordo di aver avuto tanto panico ed ansia anticipatoria come mi è successo in seguito, da quando abbiamo scoperto i low cost su internet e cercato tutte le combinazioni possibili per far quadrare coincidenze e prezzi.
L’ultima volta non voleva che viaggiassi, come quasi sempre ma non puó impedirmelo.
Sono salita su quegli aerei con un’ansia insostenibile, ero esausta dalle discussioni e veramente stanca mentalmente, e non so come ho fatto a lasciare tutto il fardello a terra, spegnere l’interruttore, chiudere gli occhi e godermi il volo. Ma forse lo so, sono riuscita a deresponsabilizzare l’aereo? Beh, in fondo stavo facendo quello che avevo scelto di fare ed oltretutto avevo un posto abbastanza comodo per riposarmi! (Meglio dell’aeroporto).

Adesso peró il problema si è “aggravato” per me, perché dice che la soluzione piú comoda ma soprattutto piú economica è quella di andare a Londra per poi prendere un aereo diretto a Torino. Gli ho detto che piuttosto che farmi 2 ore in piú di volo, cosí, gratuitamente, piuttosto non vado (anche se è qui dove vuole arrivare …)
Mi ha risposto: “Tu non hai superato la paura dell’aereo, stai ingannando te stessa e gli altri!”
Ma non è per la paura, se vado a Londra è per andare a Londra e non per allungare il mio giá massacrante tour. Mi sembra assurdo andare a nord per poi scendere a sud, un altro giro senza fine, preferisco 2 ore di autobus Malpensa – Torino ed un percorso piú logico. Con le stesse ore di volo arriverei fino in America ed invece vado solo a Torino! :(

A voi non sembra pazzesca questa soluzione? O sono io che sto mettendo paletti e mi spaventano le 5 ore fino a Londra al posto delle 2,45 fino a Madrid?
Non mi importa di quello che pensa, non devo dimostrare niente a nessuno se non a me stessa, ma a me che cosa sto dimostrando?
Non so piú niente, sono confusa e stressata in questo periodo, per 1000 ed 1 motivo. In piú febbraio mi sembra cosí lontano, sarei partita adesso. Non mi piace comprare i biglietti tanto in anticipo, vorrei poterlo fare all’ultimo minuto per il mio carattere. Non amo programmare troppo la vita, ma se aspetto poi non trovo piú niente.

Comunque …l’aereo è diventato per me solo il mezzo che mi porta da A a B, ma se per raggiungere B devo prima passare per C o per D, allora diventa veramente stressante e sento che iniziano a cedermi un po’ le energie.
Che ne dite, devo farmi un giretto anche all’aeroporto di Londra? :felix:

Una cosa è certa, in qualche modo arriveró comunque in Italia, ma se posso evitare di passare per il polo nord è meglio.

Scusate tanto per questo mio sfogo, per chi ha avuto la pazienza di leggermi, mi sono divulgata veramente tanto e sono andata un po’ troppo nel personale, ma non avrei potuto spiegarmi altrimenti.

Avrei bisogno di consigli un po’ obiettivi, perché io in questo momento non riesco ad esserlo, sono solo confusa. Ed anche un po’ stanca, perché ogni scelta ed ogni battaglia conquistata mi costa un’enorme fatica, quindi è un vero peccato fare passi indietro per poi dover recuperare terreno di nuovo. Ecco, vorrei poter solo andare avanti.

Un abbraccio a tutti!
:omaggio:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 01/12/2009, 16:44 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9439
Età: 56
Ma lo sai che mentre leggevo ho proprio pensato: "chissà se se la potrebbe cavare con un solo scalo, magari a Parigi o Londra e poi un diretto per Torino?"

Non devi guardare dove vai (a nord, a sud) e nemmeno quanto dura il volo: guarda piuttosto quanto tempo starai in giro in totale, quanto sono lunghi gli scali e a che ora sono. Se dovessi farlo io, sono queste le cose che considererei.

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 01/12/2009, 17:09 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 21/06/2008
Messaggi: 1468
Località: Milano
Età: 41
Bacione ha scritto:
Non devi guardare dove vai (a nord, a sud) e nemmeno quanto dura il volo: guarda piuttosto quanto tempo starai in giro in totale, quanto sono lunghi gli scali e a che ora sono. Se dovessi farlo io, sono queste le cose che considererei.

concordo con Bacione, confronta i due tipi di viaggio complessivamente quanto tempo e quanti passaggi comportano e scegli quello che ti fa più comodo. meglio allungare un volo che stressarsi tra scali e autobus finale in piena notte. :viola: almeno così arrivi subito a torino e ti fai venire a prendere ;)
paola ha scritto:
“Tu non hai superato la paura dell’aereo, stai ingannando te stessa e gli altri!”

non sono per niente d'accordo, io ti vedo bella superdeterminata con le idee belle chiare anche quando scrivi agli altri :yes: ;)
certe volte i mariti vanno fatti sfogare/sparlare a voce alta/dare aria alla bocca :diablo:

_________________
La vita è in continuo movimento come l'aria in cui si muove l'aereo.

Tra vent'anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma delle cose che non avete ancora fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vele. Esplorate, Sognate, Scoprite
(Mark Twain)

L'importante è non perdere mai di vista il punto in cui si è arrivati per guardare oltre e volare lontano (la mia amica Chiara)


Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.(Haruki Murakami)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 10/01/2010, 15:32 
Community Member
Community Member
Non connesso
Donna
Iscritto il: 10/01/2010
Messaggi: 8
Località: provincia di Ancona
Età: 34
sono d'accordo con la crew! perchè fomentare la fobia con due voli. uno diretto dimezzerebbe la paura, dato che ci sarà un solo decollo e iun solo atterraggio.

_________________
http://ambienteitalia.forumfree.it


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 10/01/2010, 18:03 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
balckdalhia ha scritto:
sono d'accordo con la crew! perchè fomentare la fobia con due voli. uno diretto dimezzerebbe la paura, dato che ci sarà un solo decollo e iun solo atterraggio.

Quarda che non é con un volo diretto che si dimezza la paura! :sorriso:
Comunque mi hanno consigliato di evitare tanti scali per non stressarmi con attese in aereoporto, notti in bianco, tante ore fuori casa ......piú del necessario. Il motivo era questo, ma non quello di prendere meno aerei possibili per non formentare la fobia .... ;)

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 9:32 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 18/04/2008
Messaggi: 820
Località: provincia di Brescia
Ciao Paola!
Io concordo in pieno con Bacione e Cucciola, che differenza fa sprecare 30 ore tra Milano e Roma e "sprecarne" 5 per andare fino a Londra? Meglio passare qualche ora in aereo che girovagare in coma in aeroporto, no? E arrivare nella città giusta senza dover prendere anche un autobus, meglio ancora!
Tanto per dire, la rotta degli aerei che vanno a Cuba passa verso il Canada, vedi che andare a nord per scendere a sud non è così insolito!

Leggendo il tuo thread, con le premesse familiari ai tuoi viaggi, tanto di cappello che riesci a partire lo stesso!

Que muchacha guapa!

Joker

_________________
Joker

Poi se la gente lo sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare (da E.L. Masters, Fabrizio De André)

..la vie marin passe sans bruit, comme autrefois toute en secousse. Quelque fois c'est la houle et le roulis, et quelque fois la vague est douce... (C. Bruni)

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 10:59 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4098
Località: Winterthur (ZH)
Età: 47
Meno scali vuol dire sicuramente risparmiare energie per combattere l'ansia da viaggio, l'idea di ridurre al minimo scali e attese in aeroporto non e' da scartare.

Direi che nel problema descritto la paura di volare non sia l'aspetto fondamentale; il problema grosso sono tutte le premesse derivanti dall'ambiente familiare (non prendere il taxi, non fare questo, non fare quello, ...).

Non sono d'accordo con tuo marito, quando afferma che non hai superato la paura dell'aereo; a me sembra invece che hai correttamente spostato il punto focale delle tue ansie dall'aereo alle condizioni in cui ti trovi a viaggiare.

Io sarei dell'idea di trovare il modo piu' pratico per organizzare il viaggo...

La prima cosa che mi verrebbe in mente sarebbe di "spezzare il viaggio", magari spendendo mezza giornata a Londra o a Madrid (se e' fattibile) a fare i turisti.

Se arrivi a Roma Fiumicino, potresti valutare di spostarti a Roma Termini e prendere un treno per Torino (ci sono dei collegamenti in alta velocita' Roma-Milano-Torino), e' da vedere se gli orari sono comodi.


:ciao:

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 16:17 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 1756
Località: bcn
Età: 43
Ciao paola, anch’io credo che più che le distanze dovresti guardare il tempo complessivo del viaggio e, magari, gli orari di partenza o d’arrivo. Quando mi organizzo un viaggio, a parità di tempo e/o costi, scelgo il tragitto con meno cambi (considerando tutti i mezzi di trasporto: aereo, treno, bus, etc.). uno o due anni fa, comprando il biglietto per firenze all’ultimo momento, mi risultò più rapido passare per francoforte che per roma o milano.
E poi, con 5 ore di aereo, puoi dormire di più!
:omaggio:

_________________
eva

Invictus
Out of the night that covers me, Black as the pit from pole to pole, I thank whatever gods may be For my unconquerable soul.
In the fell clutch of circumstance I have not winced nor cried aloud. Under the bludgeonings of chance My head is bloody, but unbowed.
Beyond this place of wrath and tears Looms but the Horror of the shade, And yet the menace of the years Finds and shall find me unafraid.
It matters not how strait the gate, How charged with punishments the scroll, I am the master of my fate: I am the captain of my soul.

William Ernest Henley


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 20:52 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
Joker, grazie per la muchacha guapa! Come è antato il tuo viaggio a Cuba?

Joker , AlphaPapa, Eva
L’idea di Londra l’ho scartata soprattutto perché non coincidevano gli orari ed i giorni , ma se devo essere proprio sincera …..in ogni caso non volevo viaggiare con Ryanair. Non ho niente contro Ryanair, è tutto nella mia testa, :muro: volevo una compagnia che conosco bene, con cui ho giá volato per sorvolare l’oceano e raggiungere il continente. Dopo mi va bene tutto. Questa scelta ovviamente mi ha un po’ limitata anche nella scelta degli orari (dell’andata) , ma ho preferito cosí. Lo so, ho ancora un po’ di problemini da risolvere …….nella mia testa.
Ormai ho giá fatto i biglietti qualche giorno fa, questa volta uno scalo solo, a Madrid , poi a Milano, e poi l’autobus.
Non posso evitare i viaggi notturni, perché o parto di notte e arrivo di giorno o parto di giorno comodamente ma arrivo di notte. Io preferisco arrivare di giorno. Il Madrid-Torino c’è e l’ho preso un po’ di volte, comodissimo ma caro, quindi quasi sempre a Milano con easyet. Il giro che ho fatto la volta scorsa è stata un’offerta dell’Alitalia, altrimenti è improponibile come prezzo.
Arriveremo alle 23,00 a Madrid e quindi notte in aeroporto :muro: , ma questa volta non faró l’errore di uscire dal terminal, quindi, rimanendo dentro, penso che si possa riposare tranquillamente, almeno mio figlio. L’atra volta è stato un incubo perché abbiamo subito preso l’autobus per cambiare terminal , il chek-in ovviamente era chiuso e siamo rimasti fuori, dove non c’era nemmeno un posto per sedersi.
Poi prenderemo il primo volo del mattino per Milano ed arriveremo prestissimo e questa è una cosa positiva. Le ore sono tante ma mi mette meno ansia aspettare di notte magari dormendo un po’ o leggendo e prendere il primo volo del mattino, quando inizia a fare giorno piuttosto che prenderne uno alla sera tardi o in piena notte. Non perché non mi fidi dei voli notturni, ma al mattino mi sento piú positiva.
Al ritorno il volo è al mattino presto da Milano, quindi levataccia e autobus delle 3 di notte, ma pochissima attesa a Madrid, giusto il tempo di cambiare. Questa era l’unica alternativa per il ritorno, qualunque fosse stata la mia scelta della compagnia. I prezzi cambiano molto da un orario all’altro, quindi mi devo adattare altrimenti non viaggio.

Andrea, ho giá fatto un giro a Madrid una volta, ma è stato peggio che stare in aeroporto!
C’erano 40 gradi all’ombra e mio figlio che aveva sete, sonno e si annoiava. Poi siamo andati in un ristorante e si è addormentato sul piatto, cosí siamo rientrati in aeroporto.
Ho avuto poi occasione di visitarla un po’ durante un altro scalo, un po’ piú lungo perché ci siamo fermati la notte in un hotel, andavamo a Punta Cana tutti e tre, ed è andata decisamente meglio, anche il clima è stato piú clemente (parlo di Madrid).

Devo confessare che ultimamente mi sono proprio fatta prendere dal panico all’idea di ri volare dopo tanto tempo (mi sembra sia passata un’eternitá dall’ultima volta) e l’idea di concretizzare veramente, comprando i biglietti. Ma ora, dopo aver fatto i biglietti, mi sento molto meglio, mi sono tolta un peso, il primo passo è fatto. Mi sta succedendo esattamente il contrario delle altre volte, quando l’ansia arrivava solo dopo l’acquisto dei biglietti.
Mi chiedevo se saró ancora capace di salire su quella scaletta (veramente qui a Tenerife c’è il tunnel, meglio, sará piú facile), comunque oggi sto giá meglio di ieri, anche se sto pagando fisicamente tutta l’ansia accumulata in questo ultimo mese. Poi vi diró, manca ancora un po’, la partenza è il 14 febbraio.

Grazie per le vostre indicazioni. Forse il vero problema va cercato in quel senso di “costrizione” che vivo, almeno nella mia testa. Devo solo cercare di isolarlo dal volo, come sono riuscita a fare la volta scorsa, semplicemente ….lasciandolo a terra.

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 21:34 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9439
Età: 56
paola ha scritto:
questa volta non faró l’errore di uscire dal terminal, quindi, rimanendo dentro, penso che si possa riposare tranquillamente, almeno mio figlio. L’atra volta è stato un incubo perché abbiamo subito preso l’autobus per cambiare terminal , il chek-in ovviamente era chiuso e siamo rimasti fuori, dove non c’era nemmeno un posto per sedersi.

Eh già: l'esperienza precedente renderà il secondo passaggio migliore.

;)

:omaggio:

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 12/01/2010, 22:57 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4098
Località: Winterthur (ZH)
Età: 47
paola ha scritto:
Arriveremo alle 23,00 a Madrid e quindi notte in aeroporto :muro: , ma questa volta non faró l’errore di uscire dal terminal, quindi, rimanendo dentro, penso che si possa riposare tranquillamente, almeno mio figlio.


Mi verrebbe da suggerirti uno zainetto come bagaglio a mano per tuo figlio, con dentro un materassino da spiaggia sgonfio e un sacco letto da campeggio. Quando vuole dormire, gonfia il materassino, sistema il saccoletto e via, alla Indiana Jones! ;)

paola ha scritto:
Grazie per le vostre indicazioni. Forse il vero problema va cercato in quel senso di “costrizione” che vivo, almeno nella mia testa. Devo solo cercare di isolarlo dal volo, come sono riuscita a fare la volta scorsa, semplicemente ….lasciandolo a terra.


Secondo me dovresti darti molto più credito e fiducia di quanto fai.

Certo, ci sono ancora degli angoli da smussare (e chi non ne ha?), ma le avventure che vivi con tuo figlio dovresti scriverle in un diario e pubblicarle...


:ciao:

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 10:03 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 18/04/2008
Messaggi: 820
Località: provincia di Brescia
Leggendo il racconto dei tuoi precedenti viaggi mi sembra che a te Fantozzi ti fa un baffo!
A forza di viaggiare, però, si imparano dei trucchi per viaggiare meglio, mi sembra ottimo il consiglio di Alphapapa per tuo figlio.

Sicuramente riuscire a programmare un viaggio senza l'ansia del costo, e senza aver qualcuno che ti "gufa" e vuole decidere per il TUO viaggio è fonte di stress, forse anche più del volo in sè. Che dire, lo eliminiamo fisicamente? :mrgreen:


Joker

_________________
Joker

Poi se la gente lo sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare (da E.L. Masters, Fabrizio De André)

..la vie marin passe sans bruit, comme autrefois toute en secousse. Quelque fois c'est la houle et le roulis, et quelque fois la vague est douce... (C. Bruni)

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 16:41 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
AlphaPapa ha scritto:
Mi verrebbe da suggerirti uno zainetto come bagaglio a mano per tuo figlio, con dentro un materassino da spiaggia sgonfio e un sacco letto da campeggio. Quando vuole dormire, gonfia il materassino, sistema il saccoletto e via, alla Indiana Jones! ;)


Sicuramente viaggeremo solo con il bagaglio a mano peché al ritorno ci sará poco tempo per ritirare la valigia, dobbiamo anche cambiare terminal. Peró avevo giá pensato di portarmi un materassino da spiaggia di gomma piuma, di quelli che si piegano in tre e si portano come una borsa, visto che il primo passaggio é con IB e non ci sono problemi per piú di un bagaglio a persona, e poi lo butto. Ma quello gonfiabile é piú comodo, buonissima idea!


AlphaPapa ha scritto:
Certo, ci sono ancora degli angoli da smussare (e chi non ne ha?), ma le avventure che vivi con tuo figlio dovresti scriverle in un diario e pubblicarle...

Perché? :sorriso:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 16:46 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
joker ha scritto:
Leggendo il racconto dei tuoi precedenti viaggi mi sembra che a te Fantozzi ti fa un baffo!
A forza di viaggiare, però, si imparano dei trucchi per viaggiare meglio, mi sembra ottimo il consiglio di Alphapapa per tuo figlio.

Sicuramente riuscire a programmare un viaggio senza l'ansia del costo, e senza aver qualcuno che ti "gufa" e vuole decidere per il TUO viaggio è fonte di stress, forse anche più del volo in sè. Che dire, lo eliminiamo fisicamente? :mrgreen:


Joker

Chi, il marito? :diablo:
ps: e cosí i miei viaggi sembrano alla Fantozzi? :sorriso:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 16:48 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
Bacione ha scritto:
Eh già: l'esperienza precedente renderà il secondo passaggio migliore.

;)

:omaggio:

:yes:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 19:56 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4098
Località: Winterthur (ZH)
Età: 47
paola ha scritto:
Ma quello gonfiabile é piú comodo, buonissima idea!


...esperienza.. :mrgreen:

paola ha scritto:
AlphaPapa ha scritto:
ma le avventure che vivi con tuo figlio dovresti scriverle in un diario e pubblicarle...

Perché? :sorriso:


Non so, e' l'idea della condivisione di un'esperienza che mi affascina sempre.

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 13/01/2010, 20:25 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
AlphaPapa ha scritto:
paola ha scritto:
Ma quello gonfiabile é piú comodo, buonissima idea!


...esperienza.. :mrgreen:

paola ha scritto:
AlphaPapa ha scritto:
ma le avventure che vivi con tuo figlio dovresti scriverle in un diario e pubblicarle...

Perché? :sorriso:


Non so, e' l'idea della condivisione di un'esperienza che mi affascina sempre.

Faccio una cosa: parto armata di quaderno e penna e quando saró in aeroporto ad aspettare l’aereo e anche quando saró sull’aereo, invece di logorarmi con rimugini inutili, proveró a scrivere il diario di bordo. Cosí magari mi distraggo anche un po’. :ciao:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 14/01/2010, 9:11 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 18/04/2008
Messaggi: 820
Località: provincia di Brescia
Anche secondo me l'idea di un diario di viaggio è buona. Riesci a fissare alcune cose immediatamente, anche con un po' di auto-ironia che non fa mai male.
Se poi hai voglia, lo puoi anche arricchire con qualche fotografia, dati tecnici, pro-memoria per futuri viaggi, e condividere con altri viaggiatori.
(Noi abbiamo fatto un diario di viaggio a Cuba, devo trovare il modo di metterlo in un 3d perchè è in formato word con qualche fotografia.)

Joker

_________________
Joker

Poi se la gente lo sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare (da E.L. Masters, Fabrizio De André)

..la vie marin passe sans bruit, comme autrefois toute en secousse. Quelque fois c'est la houle et le roulis, et quelque fois la vague est douce... (C. Bruni)

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 14/01/2010, 12:14 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4098
Località: Winterthur (ZH)
Età: 47
paola ha scritto:
Faccio una cosa: parto armata di quaderno e penna e quando saró in aeroporto ad aspettare l’aereo e anche quando saró sull’aereo, invece di logorarmi con rimugini inutili, proveró a scrivere il diario di bordo. Cosí magari mi distraggo anche un po’. :ciao:


:ok:

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 10:09 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 04/06/2009
Messaggi: 841
Località: Tenerife
Ciao a tutti! Sono in Italia e non avendo il computer sono andata a cercarne uno pubblico.
Non ho resistito, volevo raccontarvi ….
I voli sono andati super bene, oltre le mie aspettative.
Nessuna ansia all’aeroporto, nessuna ansia all’imbarco e nemmeno al decollo. Il lavoro fatto ha dato “miracolosamente” i suoi frutti.
Non posso dire di aver apprezzato le bellezze del volo ed il panorama: era buio, non si vedeva niente e non avevo il posto vicino al finestrino; mi sono semplicemente fatta “portare” con la stessa leggerezza di quando si prende qualunque altro mezzo di trasporto.
Nonostante il maltempo alle Canarie e molto caos all’aeroporto per i voli annullati provenienti da altre isole, il nostro volo si è svolto senza nessun inconveniente, a parte il ritardo.
L’Airbus 340 è un gran bel bestione! :love:
Il secondo volo è stato leggermente movimentato. Un vai e vieni di turbolenze e sballottamenti e l’aereo mi è “sembrato” particolarmente rumoroso.
Mi sono detta: “Questa volta tengo spenti i campanelli di allarme (i miei) e faccio la passeggera, tanto non devo guidare! :mrgreen:
E dormo … :ciao:
Mi sono svegliata quando ho sentito un colpo fortissimo e inaspettato: le ruote dell’aereo si erano appena posate sulla pista di Bergamo!
Incredibile, non mi sono accorta di niente e l’aereo ha fatto tutto da solo!!! :sorriso:
Conoscendomi e conoscendo la paura, che in genere batte la stanchezza 1000 a 1, so che ho dormito come un ghiro non solo perché ero stanca. Ho potuto farlo perché finalmente mi sono (af)fidada.
Vincere la paura si può, ma questo non accade così come per magia.
Passo dopo passo, magari due avanti ed uno indietro, prima o poi la strada si spiana e la meta inizia pian piano a diventare una cosa sempre più raggiungibile.
Se in futuro dovessi avere ancora delle “ricadute”, non mi spaventerò perché ora so che ce la posso fare!
Grazie a me che ci ho creduto e grazie a tutti voi!
A presto! :omaggio:

_________________
Paola


"Abbiamo in noi tutte le risorse necessarie (in veritá ne abbiamo molte di più ...) per volare serenamente e apprezzare il piacere di volare."
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 10:23 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 18/04/2008
Messaggi: 820
Località: provincia di Brescia
BRAVISSIMA :clap: GUAPISSIMA :clap: ECCELLENTE!!!! :clap:

Sei stata super, e hai ragione: ci si può riuscire, basta non scoraggiarsi se si fanno passi in avanti e poi si regredisce un po'. Tutti possiamo conquistarci un pezzo di cielo, perchè CE LO MERITIAMO!!!!

Spero di riuscire ad ottimizzare il mio pomeriggio milanese con il ritrovo dei "volanti" per poterti conoscere di persona.

_________________
Joker

Poi se la gente lo sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare (da E.L. Masters, Fabrizio De André)

..la vie marin passe sans bruit, comme autrefois toute en secousse. Quelque fois c'est la houle et le roulis, et quelque fois la vague est douce... (C. Bruni)

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 10:27 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9439
Età: 56
Non avevo dubbi. :no: Bravissima! :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 10:56 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 23/09/2009
Messaggi: 769
Località: palermobarletta
Età: 49
eeeeeeeevvvvvvaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!!!! :ok: :ok: :ok:
superclapsuperclapsuperclapsuperclap
:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

_________________
Non basta sapere, si deve anche applicare; non è abbastanza volere, si deve anche fare.
Non si può finire domani ciò che non si inizia oggi.
goethe
... dunque prima voliamo prima vinciamo!
marcella


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 13:34 
VSP Supporter
VSP Supporter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 05/04/2008
Messaggi: 4478
Località: 45°35' N 9°16' E
Età: 53
paola ha scritto:
Mi sono detta: “Questa volta tengo spenti i campanelli di allarme (i miei) e faccio la passeggera, tanto non devo guidare! :mrgreen:
E dormo … :ciao:


Saggia decisione!! :sorriso:


paola ha scritto:
Mi sono svegliata quando ho sentito un colpo fortissimo e inaspettato: le ruote dell’aereo si erano appena posate sulla pista di Bergamo!
Incredibile, non mi sono accorta di niente e l’aereo ha fatto tutto da solo!!! :sorriso:


Chi l'avrebbe mai detto.... ;) :mrgreen: :ok: Ben arrivata!! :sorriso:

_________________
andrea

Ayo Gorkhali! - Forza paris!

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


People don't make trips. Trips make people
John Steinbeck


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)




Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 18/02/2010, 22:14 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 6532
Località: Cagliari
paola ha scritto:
so che ho dormito come un ghiro non solo perché ero stanca. Ho potuto farlo perché finalmente mi sono (af)fidada.
Vincere la paura si può, ma questo non accade così come per magia.
Passo dopo passo, magari due avanti ed uno indietro, prima o poi la strada si spiana e la meta inizia pian piano a diventare una cosa sempre più raggiungibile.
Se in futuro dovessi avere ancora delle “ricadute”, non mi spaventerò perché ora so che ce la posso fare!
Grazie a me che ci ho creduto e grazie a tutti voi!
A presto! :omaggio:

:yes: :yes:
Che forza Paola! sono contentissima per te, ma non avevo dubbi :clap:

_________________
LauraImmagine

La paura di volare è nella testa, non sull'aereo”
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ansia da "viaggio"
 Messaggio Inviato: 19/02/2010, 19:41 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 21/06/2008
Messaggi: 1468
Località: Milano
Età: 41
paola ha scritto:
Ho potuto farlo perché finalmente mi sono (af)fidada.
Vincere la paura si può, ma questo non accade così come per magia.
Passo dopo passo, magari due avanti ed uno indietro, prima o poi la strada si spiana e la meta inizia pian piano a diventare una cosa sempre più raggiungibile.
Se in futuro dovessi avere ancora delle “ricadute”, non mi spaventerò perché ora so che ce la posso fare!

da incorniciare!! bravissima!!! :clap: :clap: :clap: :clap:
e al raduno si festeggia questa tua bella vittoria!! :salute: :salute:

_________________
La vita è in continuo movimento come l'aria in cui si muove l'aereo.

Tra vent'anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma delle cose che non avete ancora fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vele. Esplorate, Sognate, Scoprite
(Mark Twain)

L'importante è non perdere mai di vista il punto in cui si è arrivati per guardare oltre e volare lontano (la mia amica Chiara)


Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.(Haruki Murakami)


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 

Indice  »  Volare senza paura - Fondata da Luca Evangelisti  »  Il Vaso di Pandora


 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: