Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Washington

Indice  »  Aircraft Engineering Area  »  Engineering & Maintenance



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 15/08/2009, 7:40 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 682
Età: 38
Pare veramente non ci sia fine alla storia

http://www.flightglobal.com/blogs/fligh...halts.html

Breaking: Structural flaw halts production of Alenia 787 sections

Alenia Aeronautica has halted production of two major 787 structural components due to wrinkles in the fuselage skin caused by manufacturing flaws in subcomponents of the one-piece composite barrel, according to a letter obtained by FlightBlogger.

The letter's subject: "SECTION 44 and 46 STOP WORK ORDER FOR BARREL" details a correspondence between Jay Campbell, sr. manager for supplier management for the 787 fuselage supply chain, James E. Simmons section 44/46 sr. engineering manager and Ciro Occipinti of Alenia Aeronautica in Naples, Italy.

The letter, signed and dated June 23 on Boeing letterhead, was sent the same day Boeing announced the latest delay in the program citing a need to reinforce the side of body structure.

Boeing and Alenia Aeronautica did not respond to multiple requests for comment. The status of production at Alenia's Grottaglie facility remains unknown at this hour.

This structural issue, sources say, appears entirely separate from the wing fix. Section 44 and 46 are two of the four major structural components that comprise the integrated center fuselage. Section 44, a bonnet section, sits directly on top of the center wing box (section 45/11) while section 46, a complete barrel, is joined to the aft part of the center wing box.

Campbell and Simmons explain the justification behind the production halt as "related to stringer edge steps" causing wrinkles in the skin of the fuselage that were larger than previously "demonstrated during the [preproduction verification] PPV on these components."

Stringer edge steps, as one veteran composite engineer explains, comprise the stacks of the composite fibers that make up the longitudinal structure that is cured and bonded to the skin of the fuselage barrels to give it its strength.

The letter goes on to detail the recommendations for the proper step height of each layer of composite fiber, plus or minus a given tolerance. The letter says that the guide for building fuselage stringers includes a note that says that step heights beyond a given a specified tolerance "will lead to significant degradation of the structure."

The tolerances and dimensions of the stringer were specifically outlined in the letter and are not included in this report due to the proprietary nature of the information.

However, the letter continues:

"Boeing engineering evaluations of the cross-sections provided by Alenia demonstrate that negative margins exist in the line 7-19, and line 20 and on, configurations for section 46. Line 5 and 6 are still under evaluation. While efforts are underway to refine that analysis, it is doubtful that the negative margins will be recovered, and that repair of at least line 7-29 will be required."

Of those 25 shipsets, four have been delivered to final assembly in Everett, Wash, eight are undergoing center fuselage integration at Global Aeronautica in Charleston, S.C. and the remaining 13 are in Grottaglie, Italy.

Each 787 barrel section contains 80 stringers that run the length of the fuselage. The letter did not detail what portion of the 80 would require repair.

The size of the edge steps on the stringers, the letter says, were increased first on "line 5 when Alenia began using the GFM stringer manufacturing cell at Grottaglie."

Line 5 refers to Airplane Five or ZA005, the first General Electric GEnx powered 787, that entered final assembly in January of this year. Sections 44 and 46 were delivered by Alenia for integration at Global Aeronautica in April 2008.

GFM is a company that does milling, cutting, routing and forging of various materials, including composites components.

During the manufacturing process, the composite stringers are fabricated in a clean room, loaded onto the preformed mold, or mandrel, then are wrapped in a preset amount of carbon fiber tape. After lay-up, which is done by a robotic wrapping machine, the mandrel is bagged and moved to the autoclave for high temperature curing.

Boeing's instructions in the letter to Alenia was to complete any carbon fiber placement currently underway, but not to begin any additional bonding or curing of barrels.

According to the letter, specifications were authored to control the height of the "edge step" as a result of what was learned during preproduction verification (PPV). The letter states that Alenia determined it "cannot comply with the requirement" and had requested "that the step height control provisions be eliminated." Boeing concluded that "based on the structural analysis...this is unacceptable" because the wrinkles "represent a risk of a major repair to every unit that is built without engineering coverage."

Boeing's conclusions on this structural analysis were conducted on two scrapped barrel sections identified as being from Airplane 15 section 46 and Airplane 20 section 44. "Sections cuts from the scrapped AP15 barrel show wrinkle geometry well in excess of those found during the PPV." Adding that the specification "does not allow wrinkles in the skin, and the existing effects-of-defects data does not sufficiently characterize the structural performance of wrinkles of this magnitude."

Boeing has yet to provide a revised schedule, known internally Z18, that dictates the 787 production and delivery schedule to suppliers and airline customers. The company has said a revised planning schedule will be available by the end of September.

This structural issue appears to not affect the first flight planning for ZA001 through ZA004, but it is yet unknown if delivery planning of the early production aircraft will be impacted while this issue is being resolved.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 16/08/2009, 19:38 
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9322
Località: Location Independent
Età: 47
Ma perchè non posti anche qualche 'magagna' di airbus; sono sicuro che le conosci anche meglio... ;)

Se vuoi un suggerimento (ma ne ho anche altri)... inzia con A ... e finisce con 50 8-) :D

_________________
'One fled, one dead, one sleeping in a gold bed' OLD RIME

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 16/08/2009, 20:40 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 682
Età: 38
Black Magic ha scritto:
Ma perchè non posti anche qualche 'magagna' di airbus; sono sicuro che le conosci anche meglio... ;)

Se vuoi un suggerimento (ma ne ho anche altri)... inzia con A ... e finisce con 50 8-) :D



Se vuoi posto pure le vostre di magnagne sempre riguardo l'A...50 :sorriso:


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 16/08/2009, 21:12 
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9322
Località: Location Independent
Età: 47
alphasierra ha scritto:
Black Magic ha scritto:
Ma perchè non posti anche qualche 'magagna' di airbus; sono sicuro che le conosci anche meglio... ;)

Se vuoi un suggerimento (ma ne ho anche altri)... inzia con A ... e finisce con 50 8-) :D



Se vuoi posto pure le vostre di magnagne sempre riguardo l'A...50 :sorriso:

E dai... :)
Sai benissimo che per me non c'è problema :salute:

_________________
'One fled, one dead, one sleeping in a gold bed' OLD RIME

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 16/08/2009, 21:17 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 15084
Località: Dubai U.A.E:
Età: 62
Non mi sono mai piaciute le diatribe riguardanti quello che succede ad un costruttore rispetto ad un altro , un produttore di componenti rispetto ad un altro e così via.

Avendo avuto la fortuna nella mia carriera di stare sia dalla parte del costruttore che dalla parte dell'operatore finale, queste cose mi fanno sorridere.

Come ben sa Duck quando gli raccontavo la mia esperenza di "aftermarket" presso un noto costruttore di aerei, nessuno potrebbe permettersi di fare delle critiche in quanto il giudizio e la valutazione finale la fanno gli operatori. Se un velivolo è "buono", la miglior pubblicità gliela faranno i piloti e i tecnici.

Se un velivolo è problematico per le sue caratteristiche o difficoltoso da "maint- tenere" sicuramente si porterà dietro per tutta la carriera una serie di problematiche che sicuramente influenzeranno la sua vendita.

Onestamente ho sempre ritenuto gli americani molto più "aperti" nel comunicare difficoltà o problematiche relative ad inconvenienti, problemi progettuali o altre problematiche legate all'impiantistica o la motoristica.

I costruttori europei sono sempre stati molto più restii a esternate le difficoltà pubblicamente. Forse questa è la ragione per cui preferisco lavorare sui velivoli "americani" rispetto a quelli di produzione europea.

In ogni caso il progetto del 787 credo che sia altemente innovativo e con problematiche legate proprio alla completa novità nell'uso dei materiali compositi.

La cautela e la comunicazione sono sicuramente un metodo efficace per dimostrare che tutto viene valutato e analizzato proprio considerando la specificità del progetto.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 16/08/2009, 21:57 
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9322
Località: Location Independent
Età: 47
Battute e ironia a parte; condivido il tuo punto di vista, Steve.

Tradizionalmente le aziende americane hanno un atteggiamento più aperto nel discutere i propri fallimenti e i problemi che affrontano durante gli itera di sviluppo.
Questo rende più semplice il necessario 'brainstorming' che serve a risolverli; infatti l'approccio USa all'innovazione è così:

Ho un problema -----> Lo metto in evidenza con tutti i canali ------> Vedo se dal mondo tecnico/scientifico mi vengono delle proposte di soluzione ------> Valuto le soluzioni e, se mi convincono, metto sotto contratto chi me le ha proposte.

Tutto questo sistema rende semplice il passaggio di know how innovativo e fornisce all'azienda delle idee sempre freschissime.
Così, ad esempio, sta facendo GE per i problemi che affliggono l'open rotor.

In Europa si è più conservativi e le problematiche vengono affrontate all'interno. Vengono fuori, se serve alla promotion, solo per celebrare la bravura che si è avuta nel superarle, mentre la fase d'urto contro il problema viene per lo più tenuta celata.

Ovviamente preferisco anch'io lavorare con il primo approccio; perchè mi permette di confrontarmi con idee brillanti che posson trovarsi furi dallo stretto contesto aziendale.

_________________
'One fled, one dead, one sleeping in a gold bed' OLD RIME

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 20/08/2009, 14:30 
L'utente FAS ha chiesto in data 17-01-2010 la cancellazione definitiva del proprio account; inoltre ha richiesto, ai sensi del Regolamento, l'immediata cancellazione di tutti i contenuti da lui inseriti nel forum.
La diffusione della cultura aeronautica è lo scopo prevalente di questo sito: pertanto l'amministrazione prende atto con rammarico di questa privazione voluta dall'autore e si scusa con l'utenza per il disagio che ciò potrebbe provocare nella lettura degli argomenti.


Top 
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 20/08/2009, 15:28 
L'utente FAS ha chiesto in data 17-01-2010 la cancellazione definitiva del proprio account; inoltre ha richiesto, ai sensi del Regolamento, l'immediata cancellazione di tutti i contenuti da lui inseriti nel forum.
La diffusione della cultura aeronautica è lo scopo prevalente di questo sito: pertanto l'amministrazione prende atto con rammarico di questa privazione voluta dall'autore e si scusa con l'utenza per il disagio che ciò potrebbe provocare nella lettura degli argomenti.


Top 
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 20/08/2009, 15:35 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 15084
Località: Dubai U.A.E:
Età: 62
Interessante è abbastanza emblematico. Ovviamente questo non è un problemino da 2 $ e non penso che le soluzioni che stanno studiando possano essere viste come modifiche definitive. Immmagino che debba essere completamente rivista la progettazione della parte incriminata.

L'unico dubbio che mi viene, non essendo un progettista è questo: sicuramente la tecnologia dei compositi è nuova , ma non certamente ad uno stadio primitivo. Di conseguenza detreminate valutazioni sona state fatte in base a risultati sperimentali o solamente in base ad esperinze nella progettazione di sub particolari.

Se il problema è stato di valutazione , direi che i tempi si allungano in maniera infinita in quento dovrà essere messo in discussione tutto il progetto.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 20/08/2009, 16:06 
Military / Airline Pilot
Military / Airline Pilot
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 22/03/2008
Messaggi: 12317
Località: Roma e in giro per il mondo.
Età: 48
Mamma mia, non voglio neanche pensare a che bordello sarà!

_________________
Volare è sempre meglio che lavorare!
Bombing - Duck
Il Nostro Tempo
7X

Immagine
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 21/08/2009, 6:36 
L'utente FAS ha chiesto in data 17-01-2010 la cancellazione definitiva del proprio account; inoltre ha richiesto, ai sensi del Regolamento, l'immediata cancellazione di tutti i contenuti da lui inseriti nel forum.
La diffusione della cultura aeronautica è lo scopo prevalente di questo sito: pertanto l'amministrazione prende atto con rammarico di questa privazione voluta dall'autore e si scusa con l'utenza per il disagio che ciò potrebbe provocare nella lettura degli argomenti.


Top 
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 26/08/2009, 16:26 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 15084
Località: Dubai U.A.E:
Età: 62
Ancor a qualche articolo riguardante i ritardi del progetto B787: questo articolo è tratto da Flighglobal:-


Cita:
787 Update: What is Z18 and why does it matter?

Across the entirety of Boeing's 787 global supply chain from Charleston to China, Nagoya to Naples and Winnipeg to Washington, executives, manufacturing planners and engineers are in the late stages in developing a document that will dictate the future of the planet's most ambitious industrial undertaking.

The document, known as Z18, the latest of 18 revisions to the 787 schedule, dictates all aspects of the fabrication, final assembly flow and customer delivery planning for each aircraft.

A preliminary version of Z18 has been examined by Boeing Commericial Airplanes CEO Scott Carson and is expected to be reviewed shortly by Boeing CEO Jim McNerney, senior program sources tell FlightBlogger.

Sources familiar with the schedule indicate that ZA001's first flight is likely to be slated for the late November/early December time frame, with first delivery to Japan's All Nippon Airways in the fourth quarter of 2010.

However, Boeing maintains that no decisions on the schedule have been made and the disclosure of the overall program timeline detailing first flight and aircraft certification will be announced by the end of September.

The development of Z18 is a closely held process that takes into account the short and long term production strategies, the ability of suppliers to ramp up and incorporate design changes, the capacity of final assembly operations, the requirements of airlines, as well as the financial considerations that impact the decision-making process.

Scott Fancher, 787 program vice president and general manager, was quoted in July as saying it was no secret that Boeing required a second final assembly line to support the production ramp up and meet the unprecedented demand for the aircraft.

Z18, as a result of this future requirement, could be the first program schedule that Boeing develops with provisions and planning for a second 787 assembly line in mind, no matter where it is located.

Fancher, who's responsible for the implementation of the schedule will require more art than science, his role likened to that of an orchestra conductor, ensuring that each of the partners moves in unison at the required tempo.
ALENIA'S WRINKLES

One important part of the orchestra in the minds of Boeing planners is the hold in fabrication at Alenia's Grottaglie, Italy facility, however Boeing believes it has devised a plan to ensure that the hold won't impact the planning for Z18.

Production does continue at Alenia, but Boeing confirmed that fabrication of new barrels stopped on June 23rd. The company stopped winding any new barrel sections until the stringer edge step size can be manufactured in such as way that does not wrinkle the skin of the Section 46 barrel.

Many were quick to assign blame that Boeing's outsourcing strategy was the culprit for the halt, yet Richard Aboulafia, vice president of analysis at the Teal Group explains that this explanation ignores a fundamental reality of the program.

"These are the best companies in the aerostructures world trying to grapple with building a completely new type of aircraft," says Aboulafia referring to the majority composite construction of the 787.

Yet the episode also underscores a key reality of the 787 program: The design of significant parts of the aircraft remain in flux enough to prompt an almost two-month halt in fabrication.

"The system is so fragile that it doesn't take much to knock it off course. If you're in control you can make it run properly, but there's steep learning curve here," says one industry expert.

At the time the work stop order was given, Alenia held 15 44/46 shipsets in Grottaglie. After deliveries in July and August to Global Aeronautica, that number dropped to 13, with Airplanes 17-29 currently in process in Italy.

Boeing has a devised a patch to repair the wrinkled areas Airplanes 5 through 29 to be applied in situ. The patch, Boeing says, will be applied in two locations on the Section 46 barrel, just above the frame of door number three on the port and starboard side of the aircraft. The patches, whose impact on the aerodynamics or weight of the aircraft is negligible, will be no wider than the width of the door which measures just under 50 inches wide.

Boeing says the patch "has already been designed and is being installed now at Global Aeronautica in South Carolina and will be installed at completed sections in Italy and Everett."

In order to avoid disruption in the flow of deliveries from Alenia to Global Aeronautica in Charleston, SC, Boeing will resequence work on the existing barrels sections currently in process in the factory. The Italian aerostructures manufacturer with shift resources previously allocated to winding barrels to preparing the existing shipsets for delivery.

For example, the installation of structural ribs and frames, a task previously done sequentially, will be done concurrently with the assistance of the added resources. With the structural preparation of the existing shipsets accelerating, Boeing says it intends to shift those same resources back to winding and installing structure in barrels for Airplane 30 and on once the redesign is complete, ultimately negating the halt in fabrication.

Boeing declined to specify how long barrel winding at Alenia could be halted for before the situation does impact planning for the Z18 or subsequent schedules. Though Boeing quickly adds that "there is no reason to think that it will affect schedule."

The delicate balance of shifting resources is risky, adds the industry expert, especially with the use of composite structural material from a supplier that has already demonstrated quality assurance issues in the past. Composite tape, once removed from its cold storage, will slowly cure even at room temperature if not properly handled.

"If you're going to do work on a couple of fuselages concurrently, you better have your [quality control] processes really in charge and really make sure you manage the time you have the materials on the floor and make sure there's no queuing problem in the oven, because you really can't wait."

NET CHANGE 5

While Z18 is being finalized, supply partners continue to deliver structural sections according to an interim Z17 schedule, which is likely to continue to dictate the final assembly schedule for up to Airplane 10, which could begin arriving as early as the end of this month.

Airplane 11 is expected to the be first 787 delivered to the Z18 schedule, says a senior program source. Airplanes 11, 12 or 13 will be first to see the cross-program implementation of what is being called Net Change 5 (NC5). NC5, among other things, includes a long-planned systematic change in the wiring definition for the 787. The decision about which of the the three aircraft will be the first to receive NC5 will be dictated by the constraints built into Z18.

Previously, suppliers like Spirit and Vought (now Boeing Charleston) had been able to deliver structural components with virtually 100% completion of assembly. However, once in Everett for final assembly, some of the internal stuffing had to be removed in order to perform design upgrades, for example the replacement of aircraft wiring.

NC5 will standardize the many aspects of the design, including structural, wiring and systems, across all the partners to reduce the amount of traveled work done in Everett and "bring some semblance of commonality between the sections arriving at Final Assembly," says one program source.




Il link di riferimento:-http://www.flightglobal.com/blogs/flightblogger/2009/08/787-update-what-is-z18-and-why.html

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 787, Alenia e fusoliere in composito
 Messaggio Inviato: 27/08/2009, 17:24 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 15084
Località: Dubai U.A.E:
Età: 62
Ovviamente c'è anche qualche articolo sulla nostra stampa. L'articolo che ho postato proviene dall'edizione "online" della Gazzetta del Mezzogiorno":-



Cita:
TARANTO - A Ferragosto scoppia la guerra di parole tra Boeing e Alenia. Il teatro delle operazioni è lo stabilimento di Grottaglie. Nel pomeriggio le agenzie di tutto il mondo battono la notizia dello stop alla produzione delle fusoliere del Boeing 787 «Dreamliner».

«Alenia Aeronautica, controllata di Finmeccanica, ha fermato la produzione a causa di alcuni difetti strutturali» scrive la Reuters da Chicago. La filiera mediatica che porta fino alla pesante flessione in Borsa del titolo Boeing (a Wall Street nel pomeriggio perdeva oltre il 4,50 per cento) risale addirittura al blog aeronautico «Flightblogger » e passa attraverso il prestigioso Wall Street Journal che rilancia la notizia. E’ la stessa Boeing, attraverso una portavoce, Loretta Gunter, a spiegare alla Reuters: «L’interruzione di Alenia ha bloccato la costruzione degli aerei e i difetti, grinze sulle fusoliere, sono stati riscontrati su 23 apparecchi; è stata già progettata una soluzione e su tutti gli aerei costruiti finora verranno applicate delle pezze».

«Stanno continuando a lavorare sui cilindri delle fusoliere finora costruite - aggiunge la portavoce di Boeing - e mentre stiamo implementando questo cambiamento non produrremo nessun altro cilindro fino a che non ci sarà un cambiamento ingegneristico che farà in modo che le prossime unità non debbano essere modificate».

Fin qui il lancio d’agenzia che getta nel panico la Borsa e fa sorgere nei cronisti qualche dubbio. Perché di fermo produttivo s’era parlato all’inizio dell’estate. Grottaglie avrebbe «scontato» i difetti sorti sull’attacco delle ali del Dreamliner negli stabilimenti Boeing in Giappone. Il blocco della produzione nello stabilimento tarantino risale, invece, alla fine dello scroso anno per un problema tecnico ai fastner, i bulloni che tengono insieme le parti della fusoliera. Riscontrato il difetto si fermò la produzione di nuovi pezzi concentrandosi sulle riparazioni. E allora se la notizia del nuovo, più recente, blocco della produzione era un déjà vu perché rilanciarla? Si tratta solo di una «sfasatura» temporale di blogger e giornali americani? Un tradimento delle rigorose regole di verifica della stampa anglosassone?

Alenia Aeronautica intanto non si sottrae alla guerra di parole dando, a poche ore di distanza, una sua versione dei fatti con qualche stoccata al committente americano. «Lo stabilimento Alenia di Grottaglie sta regolarmente continuando le attività sulle sezioni di fusoliera del 787 e, quindi, procedendo con l’esecuzione del piano delle consegne di sezioni complete al 100 per cento in linea con quanto concordato con Boeing».

«I lavori di montaggio - si legge nella nota d’agenzia - proseguono anche nel mese in corso: tre giorni fa è stata consegnata una coppia di sezioni di fusoliera, nel pieno rispetto del calendario prefissato. Il rallentamento dell’attività di fabbricazione delle sezioni di fusoliera è attribuibile ad un affinamento migliorativo del metodo di calcolo modificati da Boeing». Qui Alenia usa un eufemismo per spiegare l’origine delle «grinze» e non urtare troppo l’ingombrante alleato.

«Sono stati comunque già definiti e concordati i metodi e i tempi delle modifiche. Il provvisorio rallentamento di alcune attività di fabbricazione - conclude la nota - non avrà impatti sui piani di consegna previsti per tutto il 2009. Lo stabilimento di Grottaglie continua la sua attività salvo una riduzione normalmente prevista nel periodo estivo e, comunque le nuove tempistiche non hanno e non avranno alcuna incidenza sullo svolgimento del primo volo del 787, delle attività di certificazione del velivolo e dell’avvio delle consegne al cliente». Solo settembre ci dirà se questa guerra di parole è stata un temporale estivo alla vigilia di Ferragosto o il preavviso di burrasca.

FULVIO COLUCCI


Il link originale è questo:-
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/...tegoria=11

...

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Indice  »  Aircraft Engineering Area  »  Engineering & Maintenance


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: