Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Washington

AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com

Indice  »  Flight Crews Area  »  Medical Check and Human Factor

 

 


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Human Factor
 Messaggio Inviato: 21/04/2008, 10:56 
Community Member
Community Member
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 126
Noooooooo, a me non capiterà mai....sono troppo avanti io.....
......e come volevasi dimostrare oggi ho rotto il mio primo static discharger..... :ouch: :cry:

occhi aperti e cervello inserito....questo è il vero modo per limitare il fattore umano

i'm so sorry


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 21/04/2008, 11:37 
L'utente FAS ha chiesto in data 17-01-2010 la cancellazione definitiva del proprio account; inoltre ha richiesto, ai sensi del Regolamento, l'immediata cancellazione di tutti i contenuti da lui inseriti nel forum.
La diffusione della cultura aeronautica è lo scopo prevalente di questo sito: pertanto l'amministrazione prende atto con rammarico di questa privazione voluta dall'autore e si scusa con l'utenza per il disagio che ciò potrebbe provocare nella lettura degli argomenti.


Top 
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 21/04/2008, 11:43 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14796
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
FAS ha scritto:
analizziamo...
dove hai sbagliato?


Troppa birra ieri sera ?

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 21/04/2008, 12:18 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
Come si fa a rompere uno static discharger? :oops:

(chi non fa non sbaglia)

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 21/04/2008, 12:49 
Community Member
Community Member
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 126
left wing tip static discharger coperto dall'ala di un altro velivolo, ci sono passato sotto convinto di essere sufficientemente distante, quando ho rialzato le spalle l'ho mandato nello spazio, ero intento a parlare con un collega e quindi non ho guardato ed agito con attenzione pur essendo conscio del fatto che la situazione richiedeva attenzione.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 22/04/2008, 20:31 
L'utente FAS ha chiesto in data 17-01-2010 la cancellazione definitiva del proprio account; inoltre ha richiesto, ai sensi del Regolamento, l'immediata cancellazione di tutti i contenuti da lui inseriti nel forum.
La diffusione della cultura aeronautica è lo scopo prevalente di questo sito: pertanto l'amministrazione prende atto con rammarico di questa privazione voluta dall'autore e si scusa con l'utenza per il disagio che ciò potrebbe provocare nella lettura degli argomenti.


Top 
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 22/04/2008, 21:14 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
niro ha scritto:
left wing tip static discharger coperto dall'ala di un altro velivolo, ci sono passato sotto convinto di essere sufficientemente distante, quando ho rialzato le spalle l'ho mandato nello spazio, ero intento a parlare con un collega e quindi non ho guardato ed agito con attenzione pur essendo conscio del fatto che la situazione richiedeva attenzione.


Forse sei stato vittima, come tutti credo, della routine. Mi viene in mente chi magari guida tutto il giorno per lavoro e si dimentica di guardare lo specchietto prima di fare un sorpasso.

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 23/04/2008, 12:22 
Community Member
Community Member
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 126
FAS ha scritto:
dai puoi riparalo da solo!
di che macchina si tratta?
é di quelli adesivi?



siiiiiiii.....quando ho scritto l'avevo già sostituito.....

occhi aperti sempre....e cervello inserito.....


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 24/04/2008, 13:20 
Airline Pilot In Command
Airline Pilot In Command
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 09/04/2008
Messaggi: 5
Località: Roma
Età: 56
La distrazione, anche a seguito di attività routinarie, è una delle principali fonti di errore.
Considerate che a livello mondiale quasi il dieci per certo degli "accident" avviene durante la fase di rullaggio o addirittura quando l'aeroplano è al parcheggio.
La nostra mente spesso destina le sue energie in base alla percezione del livello di difficoltà del compito. Conseguentemente fasi ritenute semplici, come un giro esterno o la fase di rullaggio vengono sottostimate.
Del resto sarebbe inconcepibile rimanere sempre concentrati su tutto. E' necessario applicare le opportune strategie per ridurre questi fenomeni.

_________________
Alberto Colautti
Responsabile Human Factor
A L I T A L I A


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 24/04/2008, 17:06 
Community Member
Community Member
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 126
Correttissimo, infatti mi sono avvicinato con disinvoltura impegnato a parlare con un tecnico che era davanti a me. Credevo di avere valutato correttamente la distanza, così non è stato. :? :oops:


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 27/04/2008, 8:44 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 6532
Località: Cagliari
ACCAEFFE ha scritto:
La distrazione, anche a seguito di attività routinarie, è una delle principali fonti di errore.
Considerate che a livello mondiale quasi il dieci per certo degli "accident" avviene durante la fase di rullaggio o addirittura quando l'aeroplano è al parcheggio.
La nostra mente spesso destina le sue energie in base alla percezione del livello di difficoltà del compito. Conseguentemente fasi ritenute semplici, come un giro esterno o la fase di rullaggio vengono sottostimate.
Del resto sarebbe inconcepibile rimanere sempre concentrati su tutto. E' necessario applicare le opportune strategie per ridurre questi fenomeni.


oltre al livello di difficoltà forse, ma chiedo, anche di pericolo?
Nel senso... La paura è un'emozione sottovalutata e svalutata e di solito nella nostra vita tendiamo a temerla e volerla evitare, mentre non ci sei rende conto che è necessaria alla nostra sopravvivenza e che essere troppo self-confident poi porta a dei guai. Come quando perdiamo sensibilità al dolore in un arto e ce lo pestiamo continuamente... Non è mica una gran cosa :nono: Come si fa allora a discriminare tra la paura immotivata, quella che viene dal nostro interno, quella che deriva da come coloriamo con i nostri pennarelli personali una cosa di un rosso acceso invece che di un celeste rilassante, e quella "motivata" che ha una marca di oggettività?

_________________
LauraImmagine

La paura di volare è nella testa, non sull'aereo”
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 27/04/2008, 10:02 
Military / Airline Pilot
Military / Airline Pilot
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 22/03/2008
Messaggi: 11948
Località: Roma e in giro per il mondo.
Età: 45
Beh una differenza è quella tra panico e paura.
Il panico è un qualcosa scatenato da paure dentro di noi che non son controllabili.
Per esempio il volo stesso, i ragni, i serpenti etc etc.
La paura io lo trovo sempre come il primo degli stimoli.
Quando provo qualcosa di nuovo ho paura. E mi piace. Ricordo alle scuole di volo in AM le prime manovre acrobatiche, il dover effettuare qualcosa di sconosciuto per il corpo (parlo di sinconizzazioni celebro/muscolari) sotto notevole stress fisico (G factor) e sottoposto a giudizio anche severo. Bastava una sola di queste cose per aver paura.
I primi 3 /4 lanci col paracadute, hai ogni singola particella del fisico che si oppone a quel salto... eppure lo fai.
E tante altre esperienze.
Se si pensa alla storia del genere umano e a buona parte delle scoperte non possiamo non pensare alla paura.
La pura del non sapere è una delle più forti ad esempio.

_________________
Volare è sempre meglio che lavorare!
Bombing - Duck
Il Nostro Tempo
7X

Immagine
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 27/04/2008, 10:19 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Donna
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 6532
Località: Cagliari
duck4 ha scritto:
Beh una differenza è quella tra panico e paura.
Il panico è un qualcosa scatenato da paure dentro di noi che non son controllabili.
Per esempio il volo stesso, i ragni, i serpenti etc etc.

Siamo d'accordo ma quanto e per quanti il panico inquina la percezione della paura? :roll:

_________________
LauraImmagine

La paura di volare è nella testa, non sull'aereo”
Fearless Flyer


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Human Factor
 Messaggio Inviato: 27/04/2008, 10:23 
Aviation Psychologist
Aviation Psychologist
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 2392
Bòni, nun famo confusione. :mrgreen:

Il panico è "solo" l'esasperazione quantitativa della paura. Il panico è tanta tanta paura.
Un parametro che viene utilizzato molto frequentemente per differenziare la paura dall'ansia (e che io condivido) è che l'oggetto della paura rischia di decrementare oggettivamente le possibilità di sopravvivenza. L'oggetto dell'ansia rischia di decrementarle soltanto nella percezione della persona che prova l'ansia. Il tutto, poi, deve ovviamente essere contestualizzato.
Avere di fronte a cinque metri un leone provoca paura perchè la situazione mina oggettivamente la sopravvivenza dell'individuo. Vedere un documentario di un leone può provocare ansia (in quel caso non c'è nessuna minaccia alla sopravvivenza).

Fearless Flyer

_________________
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare"

"Il modo migliore per venirne fuori è sempre buttarsi dentro"
R. Frost


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 

Indice  »  Flight Crews Area  »  Medical Check and Human Factor


 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: