Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Washington

AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com

Indice  »  Information Area  »  News and Announcements

 

 


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 07/05/2012, 7:42 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
Come diceva la canzone di Jovanotti? "Sono un ragazzo fortunato....". Ragazzo non più molto, ma fortunato sì! Ho da pochi mesi ottenuto l'abilitazione al traino, ma la cosa più importante è che l'ho ottenuta con lo stinson L5. Ne ho approfittato per scrivere un breve approfondimento raccontando la mia esperienza. L'approfondimento, ovviamente, si trova nel nostro portale, a questo link:

http://www.ilvolo.it/Approfondimenti/Stinson%20L5.pdf

Riporto comunque il testo di seguito, ma senza foto, che vi invito ad andare a vedere nell'approfondimento.

Breve storia dello Stinson L-5 Sentinel

Freno di parcheggio inserito, master ON, pompa elettrica ON, 4 pompate con la manetta, pompa OFF. "Elica!". Starter. Il 6 cilindri Lycoming inizia a tossicchiare ed in breve inizia a girare rotondo, senza dare l'impressione che ci siano 235 CV, pronti ad esprimere la loro potenza al comando del pilota. Ho appena avviato per la prima volta lo Stinson L-5 I-AEEG, l'"Echo Golf" del Gruppo Volovelistico Patavino. Non credo di poter esprimere a parole l'emozione, mista ad un po' di "ansia" da prima volta, che ha accompagnato questa procedura. Questo splendido aereo mi traina nei miei voli in aliante dal 1984; è stato il soggetto di una infinità di fotografie; e di sogni.

Lo Stinson L-5 è un aereo della famosa serie L-Birds, dove "L" sta per Liaison. E' un aereo per il collegamento progettato e costruito durante la seconda guerra mondiale, tra il 1942 ed il 1945, il più grande della serie L, alla quale appartenevano anche il Taylorcraft L-2, l'Aeronca L-3 ed il Piper L-4. Il progetto deriva dall'aeromobile civile Stinson 105 Voyager, un biposto con sedili affiancati ed un piccolo “strapuntino” posteriore. Una prima valutazione da parte della United States Army nel 1940, alla ricerca di un aereo a basso costo e bassa autonomia per la ricognizione, non diede i risultati sperati. Venne allora completamente riprogettato e trasformato in un biposto in tandem, più robusto e potente. Il primo volo del prototipo NX27772 avvenne il 28 giugno del 1941. Questa volta l'esito dei test fu pienamente positivo. Entrato velocemente in servizio nel dicembre del 1942 come O-62 (observation) venne rinominato nel marzo del 1943 come L-5, a seguito dell'introduzione della categoria Liaison. Lo scopo principale degli aerei di questa categoria era quello di effettuare collegamenti per l'Army Air Force, e ricognizione per l'artiglieria con l'Army Ground Force. Dal dicembre del 1942 al settembre del 1945 venne prodotto in 3,590 esemplari. Se il nome ufficiale assegnato all'aereo fu Sentinel, le sue doti di robustezza e versatilità lo fecero anche conoscere con il soprannome di “Flying Jeep”. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale molti di questi aeromobili furono ceduti ad altre nazioni: Etiopia, Grecia, Indonesia, Giappone, Repubblica di Corea, Messico, Filippine, Thailandia e Italia. Ed in Italia operarono presso l'Aeronautica Militare fino al 1953, anno in cui furono radiati e ceduti all'Aeroclub d'Italia. E da qui l'aereo con seriale militare MM56686 arrivò presso l'Aeroclub di Padova e poi presso il Gruppo Volovelistico Patavino, con la matricola civile I-AEEG.

Presso il GVP lo Stinson opera ancora oggi come aereo di traino, alla veneranda età di 70 anni! E' interessante notare che le prime notizie dell'uso come aereo di traino risalgono al 1957, quando l'USAF riacquistò un velivolo L-5G per dedicarlo al traino alianti nell'ambito della Air Force Academy. Designato U19B fu in uso fino al 1962.

Del Sentinel vennero costruite molte varianti. Le principali sono:

L-5B, che permetteva di caricare, al posto del passeggero, una barella, grazie ad un portello di accesso molto più ampio;
L-5C, equipaggiato con macchine fotografiche;
L-5E, una variante STOL;
L5-G, con elica a passo variabile

Le principali caratteristiche sono:

Apertura alare 10,36 metri, superficie alare 14,40 m2
Peso a vuoto 702 kg, peso massimo al decollo 929 kg
Apparato propulsivo 1 Lycoming O-435-1 da 190 HP



In volo!

Terminata la semplice procedura per la messa in moto, mi appresto a pilotare per la prima volta un aereo che sicuramente rappresenta una parte importante della storia dell'aviazione. Ho già avuto modo di volare con un aereo simile, il Piper PA18 dell'Aeroclub di Padova. Nella sua versione militare, di poco dissimile da quella civile, è stato anche lui un L-Bird, L21. Ma quello che ho pilotato io, I-COMB, è "solo" del 1962. Lo Stinson è stato costruito ben vent'anni prima.

Salendo a bordo si percepisce subito lo scopo del progetto. E' a tutti gli effetti un aereo militare degli anni '40. Il comfort per il pilota non era certo lo scopo principale. Non ci sono fronzoli. I cavi dei comandi sono in vista all'interno della cabina, manca il riscaldamento e, se anche lo spazio a disposizione è molto più abbondante rispetto al PA18, anche qui la pedaliera mi sta leggermente corta, e sono costretto a tenere le gambe un po' piegate e non comodamente appoggiate al sedile. Sulla sinistra, oltre alla manetta, si trova la leva che, meccanicamente, ci permette di azionare i flap, che hanno tre posizioni. La prima per il decollo, la seconda o la terza per l'atterraggio.

Questo aereo, rispetto all'originale, ha subito la modifica del propulsore, che originariamente era un Lycoming O-435-1 da 190 CV. Ora monta un Lycoming O-540-B da 235 CV che, grazie alla maggior potenza, permette di trainare alianti fino a 1.000 KG di peso con decollo da piste fino a 1.000 metri di quota. La denominazione completa del velivolo è diventata Stinson L5/235. Il peso massimo in decollo e atterraggio è di 1.021 KG, incrementato rispetto all'originale.

L'aereo è un biciclo, e quindi a terra si "siede" sulla coda. Al contrario del PA18, che permette di vedere agevolmente davanti, qui il grosso, dritto muso impedisce completamente la visibilità anteriore. Davanti a me vedo solo il grosso cruscotto ed un pezzo di cielo. Bisogna abituarsi a guardare di lato per avere i riferimenti della pista e, quando necessario, spostare il muso dell'aereo a destra e sinistra per vedere se la via di fronte a noi è libera. Ricordatevi, mai spostarsi a piedi davanti ad uno di questi aerei quando c'è il pilota a bordo, potrebbe non vedervi!

Dopo la messa in moto veniamo al rullaggio. Il peso dell'aereo e la scarsa visibilità rendono il rullaggio abbastanza impegnativo, soprattutto sull'erba. I freni sono molto potenti ma, almeno per me, un po' scomodi. Il meccanismo è quello classico, con la pedaliera che se azionata in punta agisce sul sistema frenante, ma la sua inclinazione verso il pilota rende difficoltoso trovare la giusta
posizione del piede che permetta di azionare solo la pedaliera o anche il freno. Importante inoltre mantenere la giusta velocità. Se rulli troppo lentamente affrontare ogni curva costringe ad importanti "smotorate" e frenate sul pedale interno. Considerate che la potenza, nonostante il peso e l'attrito dell'erba, porta quasi sempre l'aereo ad imbardare a sinistra a causa della coppia dell'elica. E' anche per questo che è bene, in decollo, applicare potenza in modo graduale. Decollo che avviene mantenendo la cloche avanti per far alzare la coda e guadagnare appena un po' di visibilità anteriore, mentre si continuano a seguire i riferimenti a lato della pista per mantenere il centro della stessa. Appena la coda si solleva quanto basta per vedere l'orizzonte al di sopra del cruscotto, si mantiene la posizione per lasciare accelerare l'aereo, che decolla tra i 90 ed i 100 km/h. La potenza del motore è entusiasmante, e l'assetto di salita impressionante. L'esuberanza è tale che appena staccate le ruote ed avuta una lettura positiva sul variometro è possibile ridurre 100 giri motore e continuare a salire a 4 metri al secondo. Durante la salita, nonostante la riduzione del motore, lo sforzo sul pedale destro necessario a mantenere centrata la pallina è notevole. Salendo fino ai 3000 piedi si ha modo di apprezzare la precisione della cloche e la manovrabilità dell'aereo. Unica accortezza durante la virata per mantenere costante la velocità (importante quando traineremo un aliante) è quella di sostenere con una certa decisione il muso dell'aereo. Livelliamo e proviamo lo stallo. Il buffeting nel prestallo è abbastanza accentuato e la presenza delle slat fisse sul bordo dell'ala permette di mantenere l'assetto cabrato senza arrivare allo stallo vero e proprio, ma con variometro molto negativo. Lo stallo con motore, vista la potenza disponibile e l'elica ottimizzata per la salita, è simile ma con ha un assetto ancora più cabrato.

Trattandosi di un biciclo, anche in questo caso le tecniche di atterraggio sono due: sui due punti e sui tre punti. In genere si preferirà adottare i due punti in caso di atterraggio su pista in asfalto, e sui tre punti in caso di pista in erba o pista corta. La presenza dei flaps, oltre ad un carrello che assorbe bene l'impatto con la pista, allargandosi e dando stabilità all'aereo, rende l'atterraggio meno impegnativo rispetto al leggero PA18, l'altro solo biciclo con il quale ho esperienza di volo. Come per tutti gli aerei, ma soprattutto per i bicicli, la velocità in finale è importantissima. In questo caso si mantengono i 110 km/h con due tacche di flaps, se necessario aiutandosi un po' con il motore. Meglio 5 km/h in più che in meno; l'aereo infatti al di sotto di tale velocità diventa "pastoso" sui comandi ed ha la tendenza a scendere in modo brusco. La toccata sui tre punti in erba non presenta particolari difficoltà, se non quella che la pista davanti al pilota sparisce per riapparire solo una volta scesi dall'aereo! Ovviamente, appena al suolo sui tre punti, cloche alla pancia, in modo che la coda non si alzi più, vista anche la potenza dei freni, che potrebbero far rischiare se usati a fondo il contatto dell'elica con il suolo. L'atterraggio sui due punti si effettua invece mantenendo un assetto meno cabrato con l'ausilio del motore, e prestando attenzione a due differenti momenti, il primo dei quali si verifica in caso di pista in asfalto. Dopo il contatto infatti il carrello, a causa dell'attrito delle gomme con la pista, non ha ancora assunto la posizione definitiva, che avrà al diminuire della velocità. Con la coda ancora alta, visto che si mantiene la cloche in avanti proprio per mantenere l'aereo sui due punti, ad un certo punto il carrello si allarga, provocando una prima leggera tendenza ad imbardare. Allo scadere ancora più deciso della velocità il ruotino posteriore tocca terra, ed ancora una volta l'aereo dimostrerà tale tendenza. Cloche alla pancia e pronti a correggere, se serve anche con una leggera azione differenziale sui freni, sempre ricordando di salvare l'elica! Infine, in caso di vento al traverso va assolutamente ricordato, in atterraggio e rullaggio, che la deriva, di superficie molto elevata, determina un accentuato effetto bandiera, effetto che costringe il muso dell'aereo ad allinearsi con la direzione del vento.


Trainare con l'Echo Golf

E veniamo al traino. Ogni volo ha una durata di 6-7 minuti, quanto basta a raggiungere i 700 metri, quota alla quale in genere l'aliante sgancia, sia che si tratti di un volo scuola o di un volo di allenamento. Ma quali sono le attività da fare in questo breve volo? Sono molto diverse da quelle effettuate in un normale volo. Vediamole, riferite allo Stinson.

Quando l'aliante è pronto per il decollo, ci viene comunicata la messa in moto con il classico gesto circolare del dito che imita il movimento dell'elica (a meno che non siamo distratti, allora urlano il nostro nome...). E' essenziale che il decollo avvenga con i flaps impostati alla prima tacca, vista sia la bassa velocità di traino, di soli 120 km/h e, a Padova, anche la pista in erba di soli 450 metri. E' talmente importante che anche il pilota dell'aliante ha, tra i suoi check, quello di verificare la posizione dei flaps del traino prima di dare l'ok per il decollo. Così ho preso l'abitudine di impostare questa tacca appena salgo in aereo, già prima della messa in moto. Altro controllo importante prima della messa in moto, o comunque prima del decollo, riguarda i flabelli, che devono essere aperti, per migliorare il raffreddamento del motore durante la salita a piena potenza. Il nostro Stinson dispone di un avvolgicavo. Entriamo in pista mantenendo l'aereo a circa 30 gradi rispetto alla direzione di decollo, in modo da poter seguire le operazioni a terra, quando una persona a terra si occupa di svolgere il cavo quanto basta per attaccarlo all'aliante. A questo punto, continuando a guardare anche dietro (nella speranza di non avere il torcicollo!) si spinge avanti lentamente l'aereo mantenendolo in asse con l'aliante e la pista. Qualche metro prima che il cavo sia completamente svolto si sente un "tac" metallico provocato da una pallina di acciaio inserita alla fine dello tesso. Si
rallenta e, non appena si avverte la resistenza sul cavo, si toglie motore. A bordo dell'aliante il pilota sarà pronto ad intervenire sui freni, se necessario. L'ok al decollo viene per prima cosa comunicato dal pilota dell'aliante al traino. Questi verifica nello specchietto che l'aliante abbia l'ala alzata da terra, ed effettua la chiamata radio comunicando il pronti alla partenza. Ricevuta l'autorizzazione azioniamo la pompa elettrica e diamo manetta. Se in assenza dell'aliante la manetta va data con cautela, onde evitare che la coppia dell'elica ci porti fuori pista a sinistra, l'aliante agganciato ci facilita invece le cose nei primi metri, mantenendo allineato l'aereo. Mano a mano che la velocità
aumenta, l'azione sul piede destro ritorna ad essere decisa. Anche l'azione sulla cloche in avanti, per far alzare la coda diminuendo l'attrito e facilitando la visibilità, deve essere progressiva. Se l'aliante per qualunque motivo dovesse sganciare, o il cavo rompersi, rischieremmo di avere un forte beccheggio in avanti e far toccare l'elica al suolo, rischiando anche il ribaltamento. A 90 km/h si alleggerisce la cloche e a 100 l'aereo inizia a volare. Si resta un po' piatti per guadagnare 10, 15 km/h in più e si imposta la salita a 120. Arrivati ai 150 piedi, quota alla quale l'aliante in caso di problemi è già in grado di virare e rientrare in pista, si effettua una piccola riduzione del motore spostando indietro la manetta di 1 cm circa. Siamo a 2500 RPM. A 300 piedi inizia la virata per il circuito di traino standard di Padova, che ci riporterà sul campo in direzione opposta a quella di decollo, tra i 2000 ed i 2500, quota di sgancio usuale. Ai 1000 piedi mettiamo in off la pompa elettrica e ci godiamo gli unici due minuti tranquilli di un volo di traino. In realtà, tutto dipende da chi abbiamo dietro! Se dietro di noi c'è un istruttore con un allievo, infatti, potremmo trovarci a gestire posizioni inusuali dell'aliante, intenzionali per motivi didattici o dovute ad inesperienza dell'allievo. Le prime virate a bassa quota, se necessario, sono infatti corrette per tempo dall'istruttore, ma ora che siamo alti ci si può lasciare andare. Uno dei classici eventi da far provare all'allievo è il traino sotto scia. La posizione usuale dell'aliante, infatti, è al di sopra della scia di aria turbolenta che l'aereo di il traino lascia dietro di sè. Il traino sotto la scia, oltre a comportare l'attraversamento della turbolenza, non comporta particolari difficoltà. Il trainatore deve però intervenire con barra in avanti per mantenere il corretto assetto di salita ed evitare che la velocità scada. Infatti il cavo sta tirando leggermente verso il basso la nostra coda, modificando l'assetto. Molto più pericolosa è la posizione nella quale l'aliante si trova troppo alto rispetto al traino. Infatti in questo caso la coda viene alzata e la velocità aumenta. Sembrerebbe meno pericoloso rispetto ad una velocità in diminuzione, ma l'aumento della velocità fa ovviamente diminuire la salita dell'aereo di traino, aumentando ancora di più la posizione alta dell'aliante, entrando in un ciclo che peggiora ancora di più la situazione fino alla perdita di autorità del timone di profondità dell'aereo. Inoltre, la
tensione che si viene a creare sul cavo potrebbe essere talmente elevata da rendere impossibile lo sgancio dello stesso, ed i due aeromobili terminerebbero al suolo in posizione quasi verticale. Anche per questo nell'abitacolo del traino è presente una rassicurante maniglia rossa con su scritto "Comando taglio del cavo"! Se la posizione sopra o sotto al traino dell'aliante ci costringe a correggere l'assetto con la barra, ovviamente la posizione a destra o a sinistra dello stesso ci costringe a correggere l'imbardata conseguente con la pedaliera. Uno degli esercizi che l'istruttore fa eseguire all'allievo è il "quadrato", ovvero lo spostamento dell'aliante attorno alla scia del traino. E se l'allievo suda per fare l'esercizio, neanche il trainatore si diverte! E se invece dietro di noi c'è un socio che vuole fare un volo di veleggiamento? Da buoni trainatori volovelisti dovremo cercare di sfruttare le termiche, magari accostando a destra o sinistra sotto questo o quel cumulo, per cercare di portare il nostro amico al primo "distributore di termiche" sfruttabile il più in fretta possibile.

Ed ecco che finalmente siamo di nuovo liberi dalla resistenza dell'aliante. Oltre a vedere nello specchietto l'aliante che vira a destra per allontanarsi, ce ne accorgiamo in genere da un piccolo scatto in avanti che la mancanza del suo peso ci fa avvertire. Anche durante il traino sentiamo sensazioni simili, ma in genere iniziano con un alleggerimento ed un successivo appesantimento, quando il cavo torna in tensione. La sensazione è proprio quella avere un grosso elastico attaccato alla coda. Sicuri dello sgancio viriamo a sinistra aumentando ancora di più la separazione ed in rapida sequenza buttimao giù il muso togliendo un po' di motore, portando i flap a zero, chiudendo i flabelli e azionando il meccanismo di retrazione del cavo. Anche se lo scopo a questo punto è di scendere velocemente per ridurre al minimo il tempo di volo, va fatta particolare attenzione al raffreddamento graduale del motore. Per questo dai 2500 giri durante la salita non scendiamo a meno di 2200 giri fino all'inizio del sottovento, con in più i flabelli chiusi. La velocità aumenta e si mantiene tra i 180 ed i 200 km/h, in arco verde. Una bella virata stretta in direzione del sottovento ci permette di scendere rapidi, con il variometro inchiodato a fondo scala. Il circuito che effettueremo, qui a Padova, è molto stretto, anche più di quello dell'aliante. Lo standard prevede di arrivare a 500 piedi in arco bianco, 145 km/h, all'inizio della virata base, che ci raccorda direttamente con il finale. Prima della virata avremo controllato con lo specchietto che il cavo si sia correttamente avvolto in fusoliera, azionato la pompa elettrica e messa la seconda tacca di flap. Ed ecco che siamo nuovamente pronti ad atterrare, su due o tre punti a seconda della pista in asfalto o erbosa. Come detto sopra, in alcuni casi non si spegne neanche il motore, perché un altro aliante è già pronto ad andare in volo. Ed il giro ricomincia.

Ma a parte tutta questa tecnica, com'è l'attività di traino? Per me è entusiasmante. Hai la possibilità di effettuare un tipo di volo completamente diverso da quello normalmente affrontato con un aereo a motore. Circuiti e virate strette, tanti decolli ed atterraggi, volare spesso e mantenere un buon allenamento. Ma per gli stessi motivi trainare non è certo una attività rilassante. In pochi minuti affronti le fasi più impegnative del volo, il decollo e l'atterraggio, e può capitare di farlo anche tre o quattro volte di seguito in rapida successione nelle ore centrali della giornata. E' molto importante arrivare in campo rilassati e riposati, e cedere ad un altro il traino se si avvertono i sintomi della stanchezza. Fortunatamente, e volutamente, da noi nelle giornate più intense c'è più di un trainatore in campo, quasi tutti anche volovelisti, e ci turniamo sempre sul mattino e sul pomeriggio.

E poi, la soddisfazione di volare con lo Stinson...

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 09/05/2012, 13:28 
Civilian Spotter Advisor
Civilian Spotter Advisor
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 26/04/2009
Messaggi: 915
Età: 44
Franco, complimenti per il lavoro che hai realizzato e per il conseguimento dell'abilitazione al traino. Lo Stinson credo di averlo visto e conosciuto per la prima volta a Rieti ai Campionati mondiali del 1985 e subito ho provato simpatia per un aereo dalla lunga storia. Deve essere una macchina veramente affascinante da volare.

_________________
AirTeamImages.com

Il mio sito
Il mio album fotografico su Flickr.com
Le mie foto su JetPhotos.net


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 09/05/2012, 13:40 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 15309
Località: Somewhere in Sardinia Island...
Età: 37
Bellissimo lavoro! :ok: :clap:

_________________
Carlo

Immagine

E' arrivata Spotters Magazine, la prima rivista italiana di fotografia aeronautica!


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 09/05/2012, 13:56 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4109
Località: Winterthur (ZH)
Età: 48
Mi associo!

Interessante e piacevole lettura; complimenti poi per l'abilitazione al traino!!

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 09/05/2012, 14:41 
Military Spotter Advisor
Military Spotter Advisor
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 14/06/2008
Messaggi: 2676
Località: FLR - Italy
Età: 63
Grazie Franco per l'ottimo lavoro! :ok:

_________________
Luciano

Visita il mio nuovo sito cliccando qui.

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 11/05/2012, 12:20 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
Grazie. E' stato veramete un sogno che si è avverato.

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 11/05/2012, 13:24 
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Turbomachinery Fluid Dynamics Engineer
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 17/03/2008
Messaggi: 9310
Località: Location Independent
Età: 44
Complimenti!!!!
:clap: :clap: :clap:

_________________
'One fled, one dead, one sleeping in a gold bed' OLD RIME

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 11/05/2012, 16:23 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
:clap: :clap: :clap:

Bello !!!!

:grazie:

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 11/05/2012, 18:27 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
Innanzitutto complimenti a Pippo per l'abilitazione a trainatore :ok:

Complimenti ovviamenti interessati : i volovelisti senza un trainatore non vanno da nessuna parte :yes: .

Se poi il trainatore è anche un volovelista è ancora meglio perchè conosce le esigenze di chi gli sta dietro e sa interpretare la meteo e le nuvole: insomma è una garanzia di avere ben speso i soldi per il traino

e complimenti anche per il racconto del traino che mi ha offerto la possibilità di vivere il traino dall'altro estremo del cavo



p.s. da qualche parte dovrei avere delle foto del L-5 ambulanza che è stato uno dei trainatori a Calcinate: si vedeva perfettamente l'accesso modificato per imbarcare una barella

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Ultima modifica di LS4 su 11/05/2012, 18:46, modificato 1 volte in totale.

Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 11/05/2012, 18:39 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
Una curiosità:
uno dei trainatori citati nel Guiness dei primati per il maggior numero di traini giornalieri è un italiano, è "Ercolino" (noto anche come Ercole Addario) uno dei primi trainatori italiani presso il neo fondato Aeroclub Volovelistico Milanese (anni '50) prima a poi a Calcinate: 55 traini/giorno

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 14/05/2012, 7:41 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
:o

Io sono arrivato a 10, di cui 7 consecutivi, ed è stancante, soprattutto con il caldo!

Aspetto le foto. Noi a Padova ne abbiamo uno modificato "ambulanza", ma è oramai fermo da anni ed è stato in parte cannibalizzato (ala). Lo so, non è molto bello, ma i costi....

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: In volo con lo Stinson L5 Sentinel
 Messaggio Inviato: 16/05/2012, 17:08 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 3052
Località: LIQB
Età: 49
:clap: :clap: :clap: :ok:

_________________
Fabrizio

Ognuno aveva un amico in ogni pezzetto di nuvola / così è infatti con gli amici dove il mondo è pieno di terrore / anche mia madre diceva è del tutto normale / non mettere in discussione gli amici / pensa a cose più serie
Gellu Naum


Immagine Immagine


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Indice  »  Information Area  »  News and Announcements


 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: