Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Lewes

AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com

Indice  »  Flight Crews Area  »  Medical Check and Human Factor

 

 


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 15:46 
Military / Airline Pilot
Military / Airline Pilot
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 22/03/2008
Messaggi: 12016
Località: Roma e in giro per il mondo.
Età: 45
Un interessante articolo di un amico e collega della 46^ sulla vicenda dell'incidente del Giglio.

Cita:
Una imprescindibile realtà o una tradizione da cambiare?

La vicenda di Francesco Schettino, Comandante della Costa Concordia, ha messo in luce quella solitudine che solo il Comandante di una Unità, sia essa navale, aerea o militare in battaglia, può sperimentare.

Premetto che queste considerazioni si basano su quanto ricostruito dalle inchieste giornalistiche e da quanto trapelato dalle deposizioni presso la Procura. Come noto a chi si occupa di investigazioni, queste non sono fonti particolarmente attendibili, ma, scremate dalle “infiocchettature” dettate dalla necessità dei mezzi di comunicazione di "vendere il proprio prodotto", consentono di formulare alcune ipotesi e valutazioni.
Non considerando le responsabilità penali e civili, di cui si occuperà la magistratura, nessuno in questi giorni ha messo in dubbio come le decisioni prese nella sera della sciagura, e le relative responsabilità, fossero esclusivo appannaggio del Comandante del vascello:
- sua la decisione di passare così vicino all’isola del Giglio;
- sua la decisione di deviare manualmente dalla rotta pianificata (0.5 miglia nautiche) ed avvicinarsi ulteriormente alla costa (0.28 miglia);
- sua la decisione di ritardare la richiesta di soccorso e di mentire inizialmente alla Guardia Costiera (solo un blackout);
- sua la decisione di ordinare l'evacuazione della nave dopo circa un’ora, anche se forse fu anticipato dal qualche membro dell’equipaggio;
- sua infine la decisione di lasciare il suo posto prima che tutti gli altri fossero in salvo, così come da secoli la tradizione marinara impone.
In alcune interviste televisive alcuni esperti rappresentanti la Marineria italiana hanno più volte definito la figura del Comandante come: “il Dominus della nave”. Tale definizione di derivazione latina indica, in diritto Romano, colui che esercita la proprietà, il padrone. Se ne deduce che quando pensiamo ad un Comandante di una unità come la Concordia pensiamo al padrone, in senso lato, del vascello e di tutto quanto in esso contenuto, passeggeri ed equipaggio compresi.
Questa percezione è talmente forte da risuonare nelle dichiarazioni dei membri dell’equipaggio presenti in plancia ed in sala macchine quando raccontano di come il Comandante Schettino, pur essendo stato tempestivamente informato della grave compromissione dello scafo,abbia lasciato trascorrere circa quaranta minuti prima di impartire l’ordine di evacuazione e sia rimasto, per tutto il tempo, al telefono impegnato in conversazioni con persone a terra. Tutto ciò benché fosse a tutti estremamente chiara la situazione di imminente pericolo.

Un uomo solo nel momento solitario della decisione per cui era stato selezionato ed addestrato per tutta la vita. Solo... o no?

Provate per un attimo ad immaginarvi sulla plancia quella maledetta sera, dal basso di tutta la vostra totale inesperienza: avreste aspettato quaranta minuti per avere un ordine? Lo avreste sollecitato prima? Molti penseranno: panico! Noi siamo degli inesperti, i veri professionisti non si fanno prendere dal panico... vero! Ma esiste un modo diverso di affrontare l’argomento.

Dalle regole di comando della marineria, ad esempio, anche l’aviazione ha tratto i suoi modelli di gerarchia e comando e questi hanno funzionato fin quando lo studio di alcuni incidenti ha portato a ripensare tutta la materia in modo differente.
Un esempio per tutti. Il 24 Febbraio 1989 un Boeing 747 Jumbo della United Airlines era in volo da Honolulu a Sidney quando un portello del vano bagagli si aprì generando una “decompressione esplosiva” che aprì un ampio squarcio nella fusoliera. Da tale apertura furono risucchiate fuori tre file di tre sedili ed i relativi occupanti, i detriti furono aspirati dai motori di destra, causandone l’avaria.
Nella concitazione dell’emergenza, con il velivolo strutturalmente danneggiato e metà della potenza disponibile (due motori su quattro) il Comandante annunciò la sua intenzione di tentare un ammaraggio in mezzo all’Oceano Pacifico. Fu subito chiaro al Secondo Pilota ed al Terzo Ufficiale che questa manovra avrebbe portato al rapido affondamento dell’aereo ed alla probabile morte di tutti i suoi occupanti. I due invece erano persuasi del fatto che fintanto che il velivolo fosse stato controllabile, benché con grande difficoltà, valesse la pena tentare di condurlo il più vicino possibile alla costa delle Hawaii dove i soccorsi avrebbero avuto più “chance” e meno distanza da percorrere per raggiungere eventuali sopravvissuti. Avrebbero potuto obbedire supinamente agli ordini del proprio comandante, oppure tentare un vero e proprio ammutinamento, estromettendo il comandante e mettendo in pratica il loro piano. Provarono invece una terza via: avevano bisogno dell’esperienza e della manualità del Comandante per cui semplicemente lo convinsero a tentare, insistendo e suffragando la loro tesi con la forza dei propri argomenti. Giunti in prossimità dell’aeroporto di partenza fu chiaro come si potesse tentare un atterraggio, questo avvenne senza ulteriori inconvenienti e salvò tutti gli occupanti. Salvò anche il relitto che fù, così, a disposizione per lo studio delle cause scatenanti l’incidente e permise di individuare un difetto al sistema di bloccaggio del portello permettendone la modifica su tutti i Jumbo a livello mondiale e salvando così altre vite.
Quello che è accaduto in quella cabina di pilotaggio è oggi argomento di studio per i piloti di tutto il mondo, una materia obbligatoria conosciuta come C.R.M., Crew Resouces Management. Ovvero l’applicazione pratica del Teamwork (il lavoro di squadra) agli equipaggi di volo.

La figura di Comandante come Dominus di una nave ha un fondamento storico che risale alla notte dei tempi: pochi uomini sapevano navigare e condurre a destinazione in sicurezza il proprio armamento. La maggior parte dei marinai del tempo era fatta di gente con una scolarizzazione minima se non nulla, per non parlare di quando era fatta di galeotti. Oggi, grazie a Dio, non è più così.
Fin dalla notte del 13 Gennaio, da persona che si occupa di C.R.M. da qualche tempo, una domanda mi assilla: Schettino era forse solo in plancia? No!
Vicecomandante, Primo, Secondo e Terzo Ufficiale in vari momenti hanno interagito con lui, cosa hanno detto e fatto? Dalle loro dichiarazioni, se confermate così come riportate dagli organi di stampa, appare come, benché fossero coscienti della grave situazione, abbiano “atteso” che il loro Dominus prendesse una decisione per quaranta minuti!
E se invece lo avessero sollecitato? Se gli avessero tolto dall’orecchio il telefonino dicendo:
“Guarda Francesco sono preoccupato per la situazione. Abbiamo cinque compartimenti allagati e tu sai che la nave può reggerne solo tre. Abbiamo quattromila persone da salvare, fintanto che ne siamo in grado, devi prendere una decisione e devi farlo ora!”

Forse non sarebbe cambiato nulla, la storia con i ma ed i se non si scrive questo lo so.
Ma forse oggi il mondo dell’aviazione può ripagare il debito che ha con quello della marina aiutandolo a ripensare i propri modelli di comando in chiave moderna.
Del resto è assolutamente inutile avere gioielli di nave con dispositivi e tecnologie all’avanguardia se il modello di comandante è fermo a quello del Bounty e quello dei suoi collaboratori a quello della recluta.

Luca Coppola


Luca è un Ufficiale della 46^ 93° Gruppo, da sempre si occupa di S.V. e di H.F./C.R.M.
Pilota esperto di G222 e tra i primi piloti e Istruttore di C27J.

_________________
Volare è sempre meglio che lavorare!
Bombing - Duck
Il Nostro Tempo
7X

Immagine
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 17:01 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
Posso essere d'accordo con il tuo amico ed ex collega, ma da quello che riporta la stampa sembra che tutti i primi livelli della catena di comando siano "caduti" nella scialuppa di salvataggio e sbarcati prima della completa evacuazione.

Se questo è vero, e le inchieste in corso dovranno appurarlo, la condotta della nave non ha applicato neanche il modello classico di comportamento ovvero Capitano Dominus, che però prevede l'abbandono nave del comandante e del suostaff per ultimo se non affondare con la stessa.

Apparentementa hanno applicato il modello "team working" quando si è trattato di squagliarsela

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 19:16 
Military / Airline Pilot
Military / Airline Pilot
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 22/03/2008
Messaggi: 12016
Località: Roma e in giro per il mondo.
Età: 45
Io sono d'accordo con te. Sono stato anche molto severo sulla vicenda.
Ma si voleva prendere in esame un'altra possibilità.

_________________
Volare è sempre meglio che lavorare!
Bombing - Duck
Il Nostro Tempo
7X

Immagine
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 20:55 
R&D Technician
R&D Technician
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 2973
Località: Milano
Età: 47
Cita:
E se invece lo avessero sollecitato? Se gli avessero tolto dall’orecchio il telefonino dicendo:
“Guarda Francesco sono preoccupato per la situazione. Abbiamo cinque compartimenti allagati e tu sai che la nave può reggerne solo tre. Abbiamo quattromila persone da salvare, fintanto che ne siamo in grado, devi prendere una decisione e devi farlo ora!”

Forse non sarebbe cambiato nulla, la storia con i ma ed i se non si scrive questo lo so.
Ma forse oggi il mondo dell’aviazione può ripagare il debito che ha con quello della marina aiutandolo a ripensare i propri modelli di comando in chiave moderna.
Del resto è assolutamente inutile avere gioielli di nave con dispositivi e tecnologie all’avanguardia se il modello di comandante è fermo a quello del Bounty e quello dei suoi collaboratori a quello della recluta.


Un punto di vista davvero interessante, grazie Duck, anche al tuo amico Luca.






LS4 ha scritto:
...hanno applicato il modello "team working" quando si è trattato di squagliarsela
:mrgreen:

_________________
Andrea

Immagine Immagine Immagine Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 21:10 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
duck4 ha scritto:
Ma si voleva prendere in esame un'altra possibilità.


sì, mi è chiaro e sono d'accordo con il punto di vista del tuo amico; la sofisticazione della tecnologia è tale che il ruolo di comandante "dominus" potrebbe essere anacronistico.

Il senso del mio post era che probabilmente il team a bordo avrebbe reagito allo stesso modo sia nel modello comportamentale "Capitanus dominus" che "team working" e quindi il problema è da ricondurre al processo di selezione delle risorse idonee a ricoprire un certo ruolo

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 21:37 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 14/01/2011
Messaggi: 2057
Località: Cesena
Età: 43
Cita:
Del resto è assolutamente inutile avere gioielli di nave con dispositivi e tecnologie all’avanguardia se il modello di comandante è fermo a quello del Bounty e quello dei suoi collaboratori a quello della recluta.


La frase e' un po' forte. E' questo il caso di tutta la marina? Compresa anche quella militare? O si e' trattato di un caso isolato?

Poi, come ho già scritto, e' limitativo parlare solo si CRM e HF, qui si e' trattato di un problema dell'intera organizzazione/compagnia e non solo della plancia di comanda della Concordia. Siamo davanti ad un perfetto esempio di Organisational Factor e Safety Culture!!

_________________
Flanch

Old Warriors never die.

Colui che si pone nel gradino più alto dell'autorealizzazione è il Guerriero, che è tanto forte da non inchinarsi mai davanti a nessuno e tanto umile da non permettere a nessuno di inchinarsi davanti a lui.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 21:48 
Military / Airline Pilot
Military / Airline Pilot
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 22/03/2008
Messaggi: 12016
Località: Roma e in giro per il mondo.
Età: 45
Ma vedi Flanch, sei sempre limitato quando si parla di HF e CRM, perchè è la tipica materia dove ci vuole un'attimo a parlare di tutt'altro e perdere di vista gli hot point.
Ma se tu ritieni che un qualche argomento sia "limitativo", e lo dici spesso, puoi ampliare quando vuoi e come vuoi. Non ti sentire limitato ti prego, perchè qui non lo sarai mai.
Però aiutaci invece di gettare li termini comprensibili a pochi.
Per esempio parlaci di Organisational Factor. Perchè il 95% degli utenti che leggono probabilmente non sanno cos'è e quindi cerchiamo di ampliare a tutti laconversazione, che poi è lo scopo principe del forum.
:grazie:

E comunque io non sono d'accordo del tutto con la tua visione dell'incidente, anche perchè io non ho MAI avuto esempi PERFETTI nello HF. Proprio perchè l'uomo è fortemente imperfetto.
E comunque non è un problema di chi ha ragione o no, quindi tu hai detto cose per me giustissime.
Ma è una questione di capire le infinite possibilità dell'uomo di sbagliare.

_________________
Volare è sempre meglio che lavorare!
Bombing - Duck
Il Nostro Tempo
7X

Immagine
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Articolo di un amico e collega sull'incidente Costa.
 Messaggio Inviato: 11/02/2012, 22:16 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 14/01/2011
Messaggi: 2057
Località: Cesena
Età: 43
duck4 ha scritto:
Ma vedi Flanch ..... Non ti sentire limitato ti prego, perchè qui non lo sarai mai.
Però aiutaci invece di gettare li termini comprensibili a pochi.
Per esempio parlaci di Organisational Factor. Perchè il 95% degli utenti che leggono probabilmente non sanno cos'è e quindi cerchiamo di ampliare a tutti laconversazione, che poi è lo scopo principe del forum.


Mmm... perché no! Ci vorrebbe un approfondimento, che tuttavia richiede tempo. Cosa che attualmente io non ho.

Nel frattempo chi vuole può leggersi l'ICAO Document 9859 Safety Management Manual, che può essere rintracciato con una semplice ricerca di Google.

Anche nel seguente sito ci sono molte informazioni

http://www.skybrary.aero

_________________
Flanch

Old Warriors never die.

Colui che si pone nel gradino più alto dell'autorealizzazione è il Guerriero, che è tanto forte da non inchinarsi mai davanti a nessuno e tanto umile da non permettere a nessuno di inchinarsi davanti a lui.


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 

Indice  »  Flight Crews Area  »  Medical Check and Human Factor


 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: