Login   Iscriviti    Portale ilVolo.it    Indice Forum    Aerofan.it PhotoGallery    Cerca    FAQ    Regolamento

Il meteo su Washington

AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com

Indice  »  Historical and Military Aviation Area  »  Aviation History and Warbirds

 

 


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 15:18 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Ho comperato su Ebay un libro abbastanza vecchio che tratta la produzione dei velivoli Reggiane.

Il libro si intitola "Caccia Caproni - Reggiane 1938 - 1945" ed è stato scritto dal signor Pietro Prato. Edito da STEM Mucchi nel 1978

Allegato:
Piero Prato.jpg
Piero Prato.jpg [ 11.35 KB | Osservato 253096 volte ]


La lettura è davvero affascinante per chi ama i velivoli storici italiani. La parte più interessante e in parte sconosciuta da molti riguarda il velivolo RE2007.

Riporto di seguito un estratto del libro che tratta l'argomento di questo progetto di caccia a reazione :-

Cita:
E' fuori discussione che questo monoreattore da caccia costituì un traguardo di capitale importanza per le Officine Meccaniche Reggiane, considerata la data che il progetto porta, 7 ottobre 1943.

Infatti a quel tempo nessun'altra ditta Italiana poteva vantare una simile realizzazione e il Re.2007, primo velivolo a getto con ala a freccia e stagna, reattore installato all'interno della fusoliera e catedro alare per le alte velocità, deve oggi essere considerato un vanto dell'industria specializzata italiana.

Poco dopo l'ordinazione da parte del Ministero dell'Aeronautica di due prototipi del Re2006, giunse in Italia la notizia riservata che in Germania era stata iniziata la costruzione in serie di un motore a getto, lo Junkers JUMO 004/B; immediatamente venne deciso di rifare completamente il progetto del secondo prototipo del Re.2006, adattandolo all'installazione del nuovissimo motore a getto.

Iniziò così il periodo di gestazione del Re2007, il cui prototipo, MM. 541, venne messo in cantiere a Correggio, ove era stata decentrata l'Officina Sperimentale Reggiane dall'Armistizio.

Durante lo svolgimento delle prove in picchiata del Re. 2005 che aveva raggiunto velocità prossime ai 1.000 chilometri orari, l'ing. Longhi aveva constatato che a tali velocità le semiali diventavano gradualmente troppo rigide e stabili a causa del forzato aumento del diedro alare.
La soluzione cui egli ricorse per ovviare a questo inconveniente e che oggi è di comune adozione sui velivoli ad alta velocità fu di dare all'ala un angolo in catedro, cioè opposto.
Attualmente, i collaudi nel tunnel a densità variabile hanno fornito la prova palmare della bontà di questa soluzione datante da oltre 20 anni, confermando anche la convinzione dell'lng. Longhi che il Re 2007, con una freccia aumentata di 18° e con l'applicazione del principio dell'« Area Rule » potrebbe volare anche oggi a velocità supersoniche, in quanto le strutture dei velivoli Caproni-Reggiane non sono affatto diverse dalle più moderne realizzazioni dei nostri giorni; L'unica differenza sta nei materiali che oggi hanno una resistenza termica superiore.

Una volta iniziata la costruzione del prototipo del Re. 2007, l'ufficiale di sorveglianza delle Forze tedesche presso la Reggiane fece venire dalla Germania a Correggio una commissione tedesca composta da alcuni ufficiali superiori che esaminarono a fondo tanto il Re 2006 quanto il Re 2007, promettendo infine il loro interessamento al fine di procurare alla Ditta emiliana due motori JUMO 004/B da parte del Comando germanico;la condizione che i tedeschi posero, prelevando alcuni disegni del progetto fu che, se la cessione dei motori avesse sortito esito favorevole, il velivolo completato avrebbe dovuto essere trasportato in una località nei pressi di Udine ove avrebbe avuto luogo l'installazione del gruppo motopropulsore.

Il progetto del Re. 2007 suscitò tale entusiastico interesse nel Comando tedesco che, a un certo punto, esso espresse la volontà che il velivolo venisse realizzato in Germania e a tale scopo programmò il trasferimento dell'lng. Longhi e di parte dell'Ufficio Tecnico delle Reggiane, nonchè dell'Officina Sperimentale, in una località della Baviera e fu solo grazie all'interessamento del Conte Caproni, sempre sollecito e votato anima e corpo alle sue creature, se questa trasferimento venne evitato,
Nell'autunno del 1944, quando la fusoliera e le semi ali del reattore erano già state completate, la costruzione fu forzatamente interrotta dal mancato arrivo dei motori che, come venne accertato in seguito, furono spediti in Italia ma non giunsero mai a destinazione.
Tutte le parti costruite del Re.2007, unitamente al prototipo del Re.2006, vennero inviate a Taliedo il 12 ottobre 1944, ove rimasero fino al 25 luglio 1945; dopo tale data, sembra che il Comando alleato abbia ritirato le parti costruite e il pacco dei disegni del velivolo e li abbia inviati in America e in Inghilterra a scopo di studio.

Naturalmente il Comando del Combined Intelligence Service, presso il Comando alleato, mandò subito a chiamare l'ing. Longhi per ottenere un rapporto dettagliato sui Re.2007 e, al corrente dell'avvenuta spedizione dei due motori JUMO da documenti tedeschi catturati, insistette a lungo con il progettista dei velivoli Caproni-Reggiane per sapere dove essi erano stati nascosti, ma purtroppo neanche lui lo sapeva;in tale occasione, l'ing. Longhi chiese al Comandante Inglese della Commissione se ci sarebbe stata la possibilità di ultimare il progetto nel caso che i motori fossero stati rintracciati ma l'ufficiale rispose pacatamente che, per il momento, l'Aviazione Italiana doveva cessare di esistere.

Attualmente uno dei motori JUMO 004/B del Re.2007, un tempo Impiegato a scopo didattico presso la Scuola Specialisti dell'Aeronautica Militare Mario Anelli di Caserta, è stato ceduto al Museo Storico dell'Aeronautica Militare di Vigna di Valle.
Il Caproni-Reggiane Re.2007 è il primo velivolo Italiano a pura reazione con ala a freccia di basso allungamento, fusoliera in tre parti per la facile sostituzione del reattore, cabina di pilotaggio pressurizzata e quattro Mauser da 20 mm.

L'ala, in pezzo unico, e completamente a sbalzo con freccia di 20° sui quarto alare, continua e passante sotto la fusoliera. La pianta ha profilo biconvesso (NACA. low drag) e spessore variabile e la struttura è a tre longheroni a doppia T , mentre il fasciame del dorso è rinforzato con lamiera ondulata e quello del ventre da correntini.

Nella parte centrale dell'ala sono integralmente incorporati i serbatoi di carburante della capacita di 440 lt, mentre lateralmente sono ricavati i vani per l'alloggiamento delle ruote posteriori del carrello d'atterraggio. Fra il secondo e il terzo longherone, al centro, vi sono altri due serbatoi stagni della capacità complessiva di 260 lt. La fusoliera in duralluminio ha struttura a guscio con ossatura costituita da ordinate in lamiera e correntini a Z.

La presa d'aria dinamica del reattore Junkers Jumo 004/B di circa 1.000 kg/spinta, è costituita dalla parte anteriore della fusoliera tagliata con un angola di 10° verso il basso.
Le due gambe del carrello d'atterraggio posteriore si ritirano nell'ala come sui Re.2005, mentre la ruota anteriore si ritrae all'indietro.La cabina di pilotaggio è chiusa superiormente da un portello ribaltabile lateralmente.Il tutto è sganciabile in caso di necessità. La cabina è stagna e sotto pressione per il volo ad alta quota ed è pure munita di riscaldamento elettrico.
Gli impennaggi sono completamente a sbalzo, costruiti in duralluminio con le parti mobili bilanciate staticamente, dinamicamente e aerodinamicamente.

Sia il timone di direzione che i piani orizzontali mobili sono muniti di alette regolabili. Gli alettoni sono costruiti completamente in lega leggera e bilanciati come gli impennaggi; l'alettone sinistro, inoltre, è munito di aletta regolabile. Gli ipersostentatori sono del tipo a spacco e in due pezzi. I serbatoi di carburante fanno parte integrante della struttura alare ed hanno una capacita totale di 700 lt.E' inoltre previsto un impianto di emergenza in caso di necessità.

L'armamento è costituito da quattro cannoncini Mauser da 20 mm montati due per parte sui fianchi della presa d'aria anteriore principale, con 200 colpi ognuno.

Il Re.2007 è inoltre munito di Impianto elettrico alimentato da una dinamo azionata dal reattore, della capacità di 1.200 Watt, di impianto di pressione per la cabina di pilotaggio e degli altri accessori indispensabili.

PRODUZIONE TOTALE:
Re.2007 (MM. 541): N° 1 (costruito al 70%)


Allegato:
Reggiane.jpg
Reggiane.jpg [ 38.06 KB | Osservato 206 volte ]


Se qualcuno ha notizie o altro a riguardo , io sarei davvero interessato ad approfondire la discussione.

...

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 15:41 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
un inedito, almeno per me :grazie:

Non avevo mai sentito di questo prototipo e mi chiedevo come mai, sapendo dell'esistenza di un motore a reazione in Germania, nessuno avesse provato a realizzare un areo a reazione in Italia.

Che tu sappia, anche la Macchi e la FIAT avevno intrapreso studi simili?

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 15:49 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
No, non mi risulta nulla del genere per quanto riguarda i velivoli Macchi.

Ammetto che ho sentito molto parlare di progetti avveniristici da parte delle aziende del gruppo Caproni , di cui la Reggiane faceva parte, ma credo che quella del RE2007 probabilmente è l'unica possibile ed evidente traccia riguardante velivoli a getto italiani.

Bisogna comunque tenere presente che il libro è stato pubblicato nel lontano 1978 per cui potrebbe essere stato smentito da altre pubblicazioni o articoli apparsi in epoca successiva.

Per questo ho pubblicato questo 3D. Sono curioso di sapere se qualcuno tra gli utenti appassionati di aviazione storica, sopratutto italiana, ha informazioni o libri che trattano l'argomento RE2007 in maniera da completare correttamente l'informazione sulla sua reale esistenza, anche solo informa di progetto.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 15:58 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Se ne parla in questo sito (ma anche in altri):

http://www.alireggiane.com/aerei-f2/re-2007-t238.htm

Secondo taluni, però, tale aereo non sarebbe mai esistito.
Si tratterebbe di una bufala post-bellica:

http://it.wikipedia.org/wiki/Reggiane_Re.2007

http://en.wikipedia.org/wiki/Reggiane_Re.2007

In questo articolo di aeromodellismo viene citato il sito "REGGIANE! REGGIANE!":

http://nuke.gmtmodellismo.it/ARTICOLI/G...fault.aspx

Si può trovare tale sito come primo link dei "collegamenti esterni" a piè pagina di questo articolo di Wikipedia (ATTENZIONE però ad aprirlo: il mio sistema antivirus lo marca in GIALLO!):

http://it.wikipedia.org/wiki/Officine_M...e_Reggiane

8-)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 16:50 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Vedo che comunque con molto piacere che l'argomento è stato trattato anche da altri appassionati dell'argomento .

Diciamo che spero di trovare qualcuno che abbia qualcosa di più da raccontare o dare indicazioni bibliografiche che portino ad avere maggiori informazioni rispetto alle solite quattro "fregnacce" di Wikipedia !

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 20:16 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Sul fatto che Wikipidia non sia sempre del tutto attendibile sono perfettamente d'accordo.
E questo potrebbe essere un esempio:
Cita:
è evidente, in particolare, la futuristica (per il 1943) ala a freccia, che sugli aerei da caccia si è adottata solo dagli anni cinquanta.

Cita:
The drawings were notable for the futuristic (for 1943) swept wing, which only became common on fighter planes in the 1950s, although the Germans had used them on both the Me262 jet and Me163 rocket fighters.

Si può notare la differenza su quanto scritto nella versione in lingua italiana e quanto scritto in quella in lingua inglese.
E' per questo motivo che, quando consulto Wikipedia, vado a vedere anche la pagina in lingua inglese che, più spesso, è maggiormente affidabile.
Potrei anche aggiungere che il "Sabre" e lo "Stratojet" volavano già dal 1947 con bellissime ali a freccia, per non parlare del MiG-15.

Da Wikipedia questo link, che potrebbe essere interessante:

http://cloud.prohosting.com/hud607/unco...e2007.html

Viene citato un articolo, scritto dall'Ing. Longhi, dal titolo "Reggiane and I ... a fighter designer recalls", apparso nel 1976 sul numero 2 della rivista inglese "AIR Enthusiast Quarterly":

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 20/10/2010, 21:39 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Nella parte finale del suo articolo su "AIR Enthusiast Quarterly" l'Ing. Longhi scrive:
Cita:
... but vital areas of the design work had stalled owing to our inability to obtain from Germany adequately detailed information relating to the Jumo 004B, when, in October 1944, the Allied advance necessitated the transfer of completed components (together with the Re 2006) to the Caproni plant at Taliedo.
Unbeknown to us at the time, two Jumo 004B turbojets had been supplied for the Re 2007 but these never reached us - we learned later that they had been sold for scrap by German troops in Milan after the collapse of the German forces in Italy.
...
With the end of the war in Europe, I was transferred by order of Count Caproni to the Taliedo factory and still recall vividly being summoned to the office of Mr Bellelli, the Reggiane Director of Administration, to be told that the newly appointed Board of Directors had decided that Reggiane would build no more aircraft and would in future concentrate on the manufacture of railways rolling stocks, flour milling equipment, etc.
Shortly afterwards, Communist-led demonstrators burned all our records and drawings, and destroyed jigs and aircraft components.
Three years of hard and intensive work on the Re 2006, Re 2007 and Ca 8000 was obliterated in as many days and within a few short years the Reggiane concern was to go into receivership.

Nel libro citato invece si afferma:
Cita:
Tutte le parti costruite del Re.2007, unitamente al prototipo del Re.2006, vennero inviate a Taliedo il 12 ottobre 1944, ove rimasero fino al 25 luglio 1945; dopo tale data, sembra che il Comando alleato abbia ritirato le parti costruite e il pacco dei disegni del velivolo e li abbia inviati in America e in Inghilterra a scopo di studio.

Qual'è dunque la verità?
I progetti vennero sequestrati dagli Alleati o bruciati dai dimostranti nei turbolenti giorni dell'immediato dopoguerra?
Temo non si saprà mai.

:(


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 11:16 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Mi sono permesso di ricopiare dal sito di Alireggiane le lettere che accompagnano la discussione relativa al Reggiane 2007. Per fortuna, dispongo anche di molte annate rilegate di JP4 per cui , appena posso recupererò i numeri menzionati per leggermeli in diretta.

La prima parte riguarda un commento del signor Tullio De Prato , allora con il grado di Capitano era uno dei piloti assegnati in qualità di collaudatore alle Officine Reggiane.

Questa lettera è stata scritta nel 1976 e commentava un articolo riguardante il RE2007:

Cita:
el Re2007 io, capo pilota collaudatore, non ne ho mai sentito parlare: è una favola!
A che serve ostentare simili leggende quando le realizzazioni aeronautiche nazionali sono già indiscutibile titolo di merito nel progresso aeronautico mondiale?
L'ultimo velivolo progettato e costruito alle Reggiane O.M.I. fu il Re.2006.
Per sfuggire ai bombardamenti, l'aeroplano venne ultimato nella civica palestra di Correggio; macchina di prevedibili grandi caratteristiche, non volò mai.
Poco prima dell'arrivo degli alleati, il Re. 2006 venne trasportato, per via ordinaria, a Taliedo;
lassù venne distrutto.
Una parte della fusoliera finì nel locale sotterraneo del Politecnico di Milano dove il giovane ing. Frati montava i suoi alianti rinomati; assieme ad Adriano Mantelli, sgomenti, commentammo in quel sottosuolo l'ingiusta fine del Re. 2006 e della nostra progredita industria; eravamo intorno al 1947-48.
Di progetti, dopo il 1943, prese una certa consistenza soltanto quello dell'idro gigante che, nella mente della Direzione dello stabilimento, avrebbe potuto risolvere il problema del trasporto attraverso gli Oceani.
A Clanezzo, dove Maraschini e i suoi erano sfollati, l'argomento anche se più grande di noi, venne affrontato con la serietà che distingueva il "team Reggiane".
Tutto fini il 25 aprile 1945, anzi un bel pò prima».

Tullio De Prato



Di seguito posto un'appendice scritta dalla redazione della rivista J sul numero del febbraio 1976:-

Cita:
Queste sono le lettere che mettono in crisi gli appassionati e soprattutto i redattori delle riviste aeronautiche.
La competenza del Sig. Tullio De Prato è fuori discussione così come la validità delle sue particolareggiate informazioni, ma altrettanto incontrovertibili sona ormai le prove dell'esistenza del misterioso Re.2007.
Forse la causa della confusione va ricercata nel fatto che la macchina in questione venne ricavata dalla trasformazione, sempre in sede di stesura definitiva del progetto, del 2° prototipo del Re.2006, l'MM541, conservandone molti elementi strutturali, mentre i due motori a reazione Jumo 004/B ordinati non giunsero mai a Correggio (secondo alcune versioni perchè vennero venduti lungo la strada dai militari tedeschi che li stavano trasportando).
Così quella cellula ancora divisa nei suoi elementi principali e del tutto priva di motori venne forse confusa con un secondo Re.2006 e rapidamente dimenticata
D 'altra parte un Jumo 004/B sopravvive ancor oggi a Vigna di Valle, ma questa non può costituire alcuna prova certa perchè sin dalla primavera del 1945 i tedeschi avevano inviato ad Udine una sezione di tre Arado 234B da ricognizione, velivoli che come noto usavano proprio una coppia di tali propulsori proprio nella versione B.
Se qualche dubbio sussiste veramente, questa riguarda piuttosto le reali caratteristiche del Re.2007 sia riguardo alla potenza installata (un motore di soli 1.000 Kg di spinta con un condotto di scarico lungo quasi quattro metri con tutta la conseguente perdita di spinta) ed alla sicurezza di impiego per la collocazione dello Jumo dentro la fusoliera proprio all'altezza dell'incastro delle ali.
Quei primi motori erano famosi, oltre che per la loro modesta potenza, sempre molto inferiore a quella ufficiale, per la facilità con cui andavano in pezzi lanciando tutt’ intorno le palette del compressore.
Inoltre la loro vita era estremamente limitata e la posizione del propulsore non si prestava certo a facilitare le frequentissime sostituzioni.
Quello che voglio dire è che, guardando i disegni del Re.2007, viene istintivo domandarsi in quale epoca sia stato veramente progettato visto che incorporava soluzioni adottate poi dai velivoli a getto del dopoguerra, dalla freccia elevata, alta presa d'aria sdoppiata sui fianchi della cabina di pilotaggio, alla posizione stessa del motore.
Sono dubbi legittimi che la lettera del Sig. De Prato non fa che alimentare



Questa invece è la risposta scritta dal signor Nino Arena, noto scrittore e ricercatore storico apparsa sempre sulla rivista JP4 nel maggio del 1976 :-

Cita:
Il problema sollevato nella rubrica lettere di JP 4 del febbraio 1976 non ha tardato a sollevare l'interesse degli appassionati da cui ci sono pervenute numerose precisazioni; tra queste abbiamo scelto quella dello storico Nino Arena autore di numerose eccezionali opere sulla nostra aviazione:
Come cultore di argomenti storici ed in particolare del periodo 1943/45 su cui ho acquisito specifici elementi, desidero aggiungere due righe di precisazione alla lettera del comandante Tullio De Prato di cui condivido pienamente l'impostazione, ed aggiungo: secondo le notizie in mio possesso avute da persona degna di fede purtroppo deceduta da tempo, il famoso disegno del Re.2007 a reazione, di cui tanto si parla a sproposito, venne "accennato brevemente " su richiesta della persona suddetta, in una camera d'albergo a Milano nel dopo guerra tecnicamente secondo le sommarie indicazioni ricevute ed in tal modo il progetto del Re.2007 venne "ufficializzato" ed iniziò a fare il giro del mondo aeronautico nazionale acquisendo autorevoli consensi, aperti dissensi, scetticismo, perplessità e per i più acuti e preparati esperti del settore, la convinzione che si trattava di un bluff.
Il motore Jumo 004 destinato effettivamente al Re2007, non venne venduto dai militari tedeschi come comunemente si dice, ma venne recuperato a fine guerra terminando alle officine aeronautiche della S.A.I. di Passignano sul Trasimeno dove si trovava fino al 1974 allorchè venne trasferito dall'acquirente a Milano, in attesa di donarlo al Museo Aeronautico dell 'A.M. I.
Circa il Re.2006, escludendo l'esemplare di cui parla il Com.te De Prato, 3 velivoli Re.2005 vennero condizionati per conto del RLM con motori DB.603 e prelevati da piloti tedeschi che li trasferirono in Germania.
Di tali notizie posseggo la relativa documentazione avuta dagli Uffici Federali della Germania.
Il Re.2006 trasportato a Taliedo venne preso in carico dall'Aviazione del C.L.N. (non rida è realmente esistita) i cui responsabili chiesero nel 1946 agli alleati se nulla ostava circa l'utilizzazione del velivolo ed avuta risposta negativa, non sapendo cosa fame, finirono per cederlo al Politecnico di Milano.
Credo che sia tutto.
NINO ARENA


Per concludere un commento scritto dalla redazione di JP4 riguardo la vicenda del RE2007 e pubblicata sul numero del novembre 1976:-

Cita:
L'argomento "Reggiane 2007", come previsto, sta diventando scottante e presso la nostra redazione si succedono lettere di appassionati e tecnici che parteciparono ai fatti.
E' ora la volta di una profonda e documentata precisazione, quella dell'ing. Roberto G. Longhi attualmente direttore tecnico centrale di un'importante società americana e membro dell' American Institute of Aeronau tics and Astronautics":
Era mia intenzione scriverle verso i primi di marzo riguardo alla lettera del Com. De Prato sul Re.2007 e da lei pubblicata in febbraio, ma purtroppo fui costretto a partire per l'Europa per conto della Rockwell Inl. e tomai in America a fine marzo.
Il 25 aprile ritomai in Europa per conto della General Electric e al mio ritorno, pochi giorni fa, trovai una lettera del Conte Caproni contenente un articoletto sul 2007 firmato da Nino Arena e pubblicato sul numero di maggio di JP4.
Le prime informazioni sui motori a reazione tedeschi le ebbi dall'amico ing. Roberto Amadi direttore dei servizi tecnici per il DB 601, costruito a Milano dall'Alfa Romeo.
Amadi mi racconta che nel gennaio 1942 era stato fatto entrare per errore in un capannone in un aeroporto vicino a Berlino dove era in prova un velivolo a reazione in preparazione per il volo e che appena i tedeschi se ne accorsero, non solo lo fecero allontanare di corsa ma lo accompagnarono al comando dell'aeroporto dove dovette giurare il silenzio più assoluto.
Più tardi, parlando con l'ing.Haug, capo dei servizi della Daimler Benz in Italia col quale mi incontravo settimanalmente nel mio ufficio di Reggio, capii che anche la D-B stava preparando un reattore.
Fra le informazioni di Amadi e un po' di quelle di Haug intravidi un motore con diametro fra gli 800 ed i 1.000 mm. con una lunghezza di oltre 1.500 mm.
Approssimativamente nel gennaio '43 il maggiore Antonio Ferri venne a Reggio per discutere con me la possibilità di installare un motore FIAT nella fusoliera del 2005 e precisamente dietro al pilota azionante un compressore più o meno sul tipo Campini per aumentare la quota di ristabilimento del motore DB 605 con una velocità del velivolo calcolata in 750 Km/h ad oltre ottomila metri di quota.
Il progetto approvato dallo Stato Maggiore con tutta priorità, venne denominato "Progetto R." ed in fusoliera era contemplalo anche il montaggio di un tubo lungo fino alla coda per scaricare i gas ad alta temperatura ottenendo così un'ulteriore spinta reattiva.
Tutti i miei intimi collaboratori erano al corrente della mia opposizione a questo progetto in quanto il peso del motore FIAT, più il compressore più il lungo tubo, avrebbero portato il baricentro del velivolo al 30% e forse oltre, valore assolutamente inaccettabile.
Il magg. Ferri sosteneva invece che al momento quella era la soluzione migliore in quanto i tedeschi non avevano alcuna intenzione di collaborare in questo campo e tanto meno di fornirci motori a reazione.
Da quanto sopra è evidente che non bisognava essere dei Leonardo da Vinci per pensare all'installazione di un motore a reazione nella fusoliera di un velivolo Reggiane appositamente disegnalo sempre che si potessero avere informazioni sul motore, prima, e poi il motore stesso.
Ora il problema stava sia nella nostra abilità che in quella del Conte Caproni di riuscire ad ottenere un motore dai tedeschi.
L'amico ing. Alessio ci provò ma senza risultati e nel gennaio '44 scrissi al Conte Caproni colla speranza di migliore riuscita;
Tale missiva venne consegnala a mano al Conte in Via Durini 24 da Fausto Violi, e negli archivi Caproni ne esiste tutt’ora una copia mentre la mia è andata persa per un allagamento della mia casa in America.
Il Cap. Bohm, ufficiale di sorveglianza tedesco presso la Reggiane, e buon amico, dietro mia richiesta fece venire a Correggio due alti ufficiali dalla Germania ad ispezionare il Re.2006 appunto per cominciare la difficile e segreta richiesta di reattori.
La sera stessa dopo la visita al velivolo il Cap. Bohm portò a cena nella mia casa di Sesso i due ufficiali i quali dopo svariate bottiglie di Lambrusco a contorno di un'ottima cena mi promisero che si sarebbero interessati per i due reattori al loro ritorno in Germania sempre mantenendo la riserva della non ufficialità della richiesta unita al massimo riserbo.
Subilo dopo l'armistizio io fui trasferito d'autorità alla direzione tecnica di Taliedo in quanto la nuova direzione della Reggiane aveva deciso la dissoluzione del ramo aeronaulico Reggiane;
quindi andavo sovente a Milano in Via Durini per discutere con l'ing. Fargion i nuovi programmi ed il trasferimenlo pure a Milano dei miei migliori tecnici oltre alla ricerca di abitazioni per tutti.
A Milano mi trovavo sempre con Alessio, Piccardi, Violi ed altri in un caffè in Via Durini perchè si pensava di fondare la "TRANSAEREA ITALIANA" e rimpiazzare la LAI adoperando prima il 2006P trasformato per portare posta e passeggeri e poi il grande trasporto che avevamo disegnalo a Clanezzo per i voli a lunga distanza.
Fu appunto in questo caffè che si presentarono a me un maresciallo dell'aeronautica italiana ed un sottufficiale tedesco offrendomi i due motori Jumo ancora in carico all'aeroporlo di Udine per la cifra di due milioni di lire.
Aggiunsero che i motori erano assegnati ad un velivolo Reggiane ma che con l'armistizio tedesco tutto era andato in aria e che quindi chi pagava poteva avere i motori.
Con Piccardi andai subito dall'ing. Fargion per ottenere la somma richiesta, purtroppo due o tre giorni passarono ed i motori furono acquistati dall'ing. Ambrosini.
Questi sono i fatti reali.
Nell'agosto 1945 fui chiamato a Milano presso il Comando G-2 Alleato per combinare che una macchina del comando alleato mi venisse a prendere a Reggio per portarmi a Roma al Comando Centrale G-2, presso la sede della Banca Nazionale del Lavoro di Roma, in quanto gli alleati volevano avere da me notizie sull'aeronautica italiana.
Fui a Roma per ben tre giomi e li ebbi occasione di vedere per la prima volta la foto di un 'esplosione atomica.
Durante i diversi incontri con alti ufficiali dovetti spiegare in dettaglio la situazione dei velivoli Reggiane, cosa ne sapevo dei due motori Jumo e tutte le informazioni inerenti agli studi Reggiane da loro ritenuti i più avanzati tecnicamente e dai discorsi capii il perchè del bombardamento degli stabilimenti della Ditta. Erano cosi informati da conoscere perfino il progetto del Re.2006C inteso per le corse in America dei trofei Thompson e Bendix e addirittura che il pilota doveva essere il Rag. Riccardo Vaccari di Reggio famoso per l'attacco col 2001 alla portaerei inglese.
Da questi lunghi incontri capii che l'aviazione italiana era almeno per il momento finita e, su invito americano, nella prima metà del 1946 tornai in America con tutta la famiglia.
Come mai il De Prato si è messo ora a fare il paladino delle Reggiane e non l’ha fatto dal '46 a tutto il '65 quando tutti dicevano che i Re erano cassoni e brutte copie americane?


In effetti posso aggiungere che questa vicenda è molto complessa e sopratutto al limite del credibile. Non ricordo comunque di aver letto nulla, a parte quello che ho trovato sul libro dei caccia della Reggiane, riguardo a progetti aeronautici italiani che comprendessero l'uso di motori a getto tedeschi.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 12:24 
ilVolo.it Crew
ilVolo.it Crew
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 18/03/2008
Messaggi: 13816
Età: 52
Grazie Steve, ho letto di un fiato!

_________________
Franco

http://www.aeroclubpadova.it
http://www.voloavelapadova.it
JetPhotos.Net, Spotting Group ilVolo.it

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 13:22 
Community Member
Community Member
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/09/2008
Messaggi: 482
Località: Milano
Età: 56
Mamma mia Snap, che ricordi che mi susciti...
Il fascicoletto (edito da INTYPRESS, in verità) uscì la prima volta come inserto alla mitica AVIAZIONE E MARINA.
Io lo comperai intorno al 1983, da un amico che aveva un doppione dei quel numero della rivista (infatti mi manca la copertina), e fu oggetto di lunghe ed accanite discussioni con gli amici e coetanei appassionati che frequentavano in quegli anni il Politecnico, nella sede del Dipartimento di Via Golgi... ci dividevamo in due partiti: i devoti ed i miscredenti, perchè c'era chi dava incondizionatamente credito a quelle notizie e chi invece propendeva di più per il contrario.
Anni di letture e di approfondimenti bibliografici mi hanno persuaso che il Re2007 non sia mai esistito (diveramente dal 2005R), e che sia una riuscita bufala. A parte Tullio de Prato, che non era certo un sprovveduto, l'opera monumentale di Sergio Govi sulle Reggiane è abbastanza netta in proposito. Anche le ricerche più recenti (eccetto un recente studio sui prototipi della RA edito da IBN) concludono che sia opera di fantasia... un pò nel filone "Luftwaffe 46" per capirci, però non nego che abbia il suo fascino, tant'è vero che quando anni fa uscì un kit in resina sul '2007 non me lo sono lasciato scappare....
Ciao
Paolo


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 13:50 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Cita:
A parte Tullio de Prato, che non era certo un sprovveduto, l'opera monumentale di Sergio Govi sulle Reggiane è abbastanza netta in proposito.


Infatti ho recuperato l'opera di Sergio Govi ieri sera per vedere se viene citato qualcosa di questo progetto. Sono abbastanza convinto anch'io che si tratti di una bufala bella e buona, ma poichè questa "leggenda" ogni tanto viene riesumata, mi sembrava utile riproporla.

Ovviamente lo stesso discorso potrebbe valere per altri progetti fantasma, ma poichè tutti gli argomenti di carattere storico, se non confermati da documentazione ufficiale, sono sempre parto di fantasie ed elucubrazioni.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 16:08 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Desidero precisare che l'articolo dell'Ing. Longhi pubblicato su "Air Enthusiast Quarterly" è corredato, udite udite, addirittura da un "cutaway" del fantomatico Re2007, opera del valente artista-illustratore John Weal e da un tre-viste che, presumo, sia stato disegnato invece da Dennis Punnett.
Evidentemente sono stati realizzati per l'occasione.
Il "cutaway" sembra comunque chiaramente ispirato, nei non molti dettagli che presenta, al profilo sezionato che appare all'inizio di questo topic.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 20:12 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 02/04/2008
Messaggi: 1391
Località: Gorizia
Età: 48
Ho letto solo oggi questa interessante discussione.

Avevo letto qualcosa sul Re2007 su una rivista di parecchi anni fa (non mi pare però che fosse JP4), comunque nell'articolo si affermava che l'aereo noon era mai realmente esstito.

Concordo con l'anonimo scrittore di Wiki, secondo me, le scelte architettoniche del velivolo non sono attribuibili ad un aereo italiano del '43.

_________________
Massimiliano

___________________________________________________________________________

“Carri nemici fatta irruzione a sud dell’Ariete, con ciò Ariete accerchiata. Trovasi circa 5 km nord-ovest Bir el Abd. Carri Ariete combattono”.

EL ALAMEIN, 3 NOVEMBRE 1942


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 20:19 
Air Enthusiast
Air Enthusiast
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 03/04/2008
Messaggi: 2121
Max70 ha scritto:
, le scelte architettoniche del velivolo non sono attribuibili ad un aereo italiano del '43.


effettivamente da una parte abbiamo le ali a freccia con caterdro e dall'altra il timone assolutamente convenzionale

_________________
"Nel volo, ho imparato che la trascuratezza e l'eccesso di confidenza sono di gran lunga più pericolosi dei rischi deliberatamente accettati"

(Wilbur Wright, Settembre 1900)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 21:07 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Cita:
Concordo con l'anonimo scrittore di Wiki, secondo me, le scelte architettoniche del velivolo non sono attribuibili ad un aereo italiano del '43.


Giusta osservazione. In effetti la fusoliera ricorda molto di più qualcosa di simile a qualche progetto tedesco mentre l'ala mi sembra più di derivazione inglese.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 21:37 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Nel 2002 la "IBN Editore" di Roma ha pubblicato, a firma di Alessandro Barteletti, un volumetto dal titolo "Reggiane RE 2006 - Una storia vera":

Immagine

http://digilander.libero.it/air10/f104/re2006.htm

L'Autore parla anche del RE 2007:

Cita:

La favola

Prima di concludere riteniamo opportuno, per completezza, fare una precisazione.
In passato si è spesso letto - e con una certa sorpresa si continua tuttora a leggere - che il secondo prototipo del RE 2006, MM 541 (in realtà mai costruito), venne utilizzato per la realizzazione del RE 2007 il cui assemblaggio arrivò al settanta per cento.
Un'ipotesi, questa, che lascia alquanto perplessi, anche in considerazione della sostanziale differenza di base tra un velivolo con motore a pistoni ed uno a reazione.
Esaminando tutti gli elementi e le informazioni oggi note, a nostro avviso, Longhi ebbe l'idea di realizzare un aeroplano a reazione quando venne a sapere dell'esistenza dello Jumo 004.
Ma fu un'idea e tale rimase durante tutta la guerra, senza che fosse mai avviato un progetto vero e proprio.
Non deve trarre in inganno lo spaccato che è stato divulgato nel dopoguerra.
Il disegno, infatti, non risale al periodo bellico, e non è frutto degli studi dell'Ufficio Tecnico Reggiane, ma è opera di Giuseppe Cometti, che lo realizzò nei primi anni '60 su direttiva dello stesso Longhi.
E lo stesso vale per la lettera in cui si parla del RE 2007, firmata sempre da Longhi ed indirizzata al conte Caproni, datata 7 gennaio 1944 (una data che lascia da pensare visto che proprio in quel giorno iniziarono i bombardamenti sulla fabbrica di Reggio Emilia).
La carta intestata su cui è scritta, che potrebbe essere una prova a favore della sua veridicità, infine, smentisce tutto: è quella del dopoguerra.
Riteniamo che, ancora una volta, De Prato sia una delle fonti più attendibili poichè, essendo all'epoca capo collaudatore alle Reggiane, aveva accesso diretto a tutte le informazioni.
Nell'ottobre del 1977 lui ed altri ex dipendenti delle Reggiane dichiararono che
<<l'ultimo prototipo realizzato è stato il RE 2006 (ultimato a Correggio) il quale non ha mai volato ed è stato trasferito a Taliedo poco prima dell'arrivo degli Alleati. [...]
Le "Reggiane" non hanno mai progettato, costruito - nemmeno in parte - un velivolo a reazione denominato Re. 2007 e nessuno dei sottoscritti ha mai visto in officina, ha mai sentito parlare, di un motore tedesco a reazione che avrebbe dovuto essere montato sull'inesistente Re. 2007
>>.
Le parole di De Prato sono chiare e non lasciano spazio a dubbi: impossibile fraintenderle.

Lo spaccato:
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 21/10/2010, 22:03 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Snap-On ha scritto:
Cita:
Concordo con l'anonimo scrittore di Wiki, secondo me, le scelte architettoniche del velivolo non sono attribuibili ad un aereo italiano del '43.

Giusta osservazione. In effetti la fusoliera ricorda molto di più qualcosa di simile a qualche progetto tedesco mentre l'ala mi sembra più di derivazione inglese.
Steve

E il muso, con la relativa presa d'aria angolata, ricorda alquanto quello caratteristico del "Sabre".

Immagine

Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 22/10/2010, 7:33 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
In effetti la somiglianza delle presa d'aria mi fa immaginare che chi ha realizzato il disegno abbia preso come riferimento il velivolo della Nord American!

Cita:
Nel 2002 la "IBN Editore" di Roma ha pubblicato, a firma di Alessandro Barteletti, un volumetto dal titolo "Reggiane RE 2006 - Una storia vera":


Quando è uscito l'ho deliberatamente ignorato. valeva la pena di acquistarlo ?

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 22/10/2010, 13:12 
Community Member
Community Member
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/09/2008
Messaggi: 482
Località: Milano
Età: 56
A proposito del libretto sul RE 2006 del' I.B.N., Steve, personalmente te lo consiglio: è fatto benino, e anche se non apporta nulla di nuovo in termini di materiale iconografico (le "foto" sono imamgini fatte al computer), riporta molte notizie e dettagli interessanti sulle vicissitudini terrene di questo prototipo, ed alcuni disegni inediti.
Penso che tu lo possa trovare facilmente, sia nelle librerie specializate che dall'editore.
Ciao
Paolo

PS: i carrelli del RE 2006, esposti per anni al MNS&T di Milano, erano spariti dalla circolazione... ma forse sono ricomparsi, che ne dite?:
Allegato:
Immagine 057.jpg
Immagine 057.jpg [ 269.44 KB | Osservato 91 volte ]

Ciao
Paolo


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 22/10/2010, 13:17 
Community Member
Community Member
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 15/05/2010
Messaggi: 1214
Località: Nord Italia, non lontano dal mare
Snap-On ha scritto:

Cita:
Nel 2002 la "IBN Editore" di Roma ha pubblicato, a firma di Alessandro Barteletti, un volumetto dal titolo "Reggiane RE 2006 - Una storia vera":


Quando è uscito l'ho deliberatamente ignorato. valeva la pena di acquistarlo ?

Steve

Direi di si.
In effetti fornisce una documentazione che non è facile reperire altrove.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 23/10/2010, 19:51 
Military Spotter Advisor
Military Spotter Advisor
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 20/10/2009
Messaggi: 379
Vedo che è già stato riportato un pò tutto quello che negli anni si è scritto sul fantomatico Re-2007.
Voglio solo aggiungere alcune considerazioni personali sull' Ing. Longhi.
L'ing. Longhi prima della guerra lavorava negli USA alla Seversky; con un mare di promesse (ed altrettanti soldi) fu convinto a tornare a lavorae in Italia.
Con se portò l'idea del Seversky P-35 ed una macchina per l'anodizzazione dell'alluminio.
Dalla prima nacque il Re-2000 e la seconda è quella che ha fatto sì che il Re-2001 sia stato in fondo al mare qurant'anni senza danneggiarsi più di tanto.
Dopo la guerra Longhi tornò negli USA portando con sè una grandissima delusione per tutto quello che non aveva potuto fare.
Questa delusione lo portò diverse volte a parlare male della sua esperienza italiana e, molto probabilmente, a confondere i suoi ricordi rendendolo una fonte poco affidabile.

r.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 24/10/2010, 10:58 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Cita:
Dopo la guerra Longhi tornò negli USA portando con sè una grandissima delusione per tutto quello che non aveva potuto fare.
Questa delusione lo portò diverse volte a parlare male della sua esperienza italiana e, molto probabilmente, a confondere i suoi ricordi rendendolo una fonte poco affidabile.


Questa parte della storia non la conoscevo . Leggendo il libro di Govi è abbastanza chiara la storia americana dell'ingegner Longhi.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 24/10/2010, 13:39 
IT Support & Ops
IT Support & Ops
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/04/2008
Messaggi: 4109
Località: Winterthur (ZH)
Età: 48
:grazie:
Ho letto tutto veramente con interesse, dal punto di vista d'un ignorante di aviazione storica come sono io questo thread è una lettura avvincente.

Questo poi non me l'aspettavo:

Il Re.2006 trasportato a Taliedo venne preso in carico dall'Aviazione del C.L.N. (non rida è realmente esistita)

Non avrei mai immaginato l'esistenza di una aviazione del CLN. Qualcuno ha dettagli in merito?

_________________
Cordiali saluti/Best regards/Mit freundliche Grüßen,
andrea
Software Sorcery Specialist


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 25/10/2010, 7:04 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
AlphaPapa ha scritto:
:grazie:
Ho letto tutto veramente con interesse, dal punto di vista d'un ignorante di aviazione storica come sono io questo thread è una lettura avvincente.

Questo poi non me l'aspettavo:

Il Re.2006 trasportato a Taliedo venne preso in carico dall'Aviazione del C.L.N. (non rida è realmente esistita)

Non avrei mai immaginato l'esistenza di una aviazione del CLN. Qualcuno ha dettagli in merito?


Per quello che sono a conoscenza, il significato è che molti gruppidi attivisti partigiani erano maestranze che lavoravano nelle fabbriche (FIAT , MAcchi, Ansaldo , Reggiane) e fecero in modo che le attrezzature, i magazzini e parti assemblate non venissero distrutte dai tedeschi, in maniera da poter disporre ancora di una credibilità industriale e lavorativa sul territorio al termine del conflitto. In alcuni libri che raccontano le vicende dell'aprile-maggio del '45 ci sono numerosi episodi in cui si riporta avvenimenti del genre , sopratutto in fabbriche "strategiche" come le officine motoristiche della FIAT , le officine di Aermacchi e Caproni a Lonate Pozzolo e gli impianti della Piaggio a Pontedera.

Il concetto di "aviazione del CNL" nel senso di aviazione da combattimento come potrebbe essere intesa , non si è mai realizzato.

...

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 26/10/2010, 12:55 
Community Member
Community Member
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 01/09/2008
Messaggi: 482
Località: Milano
Età: 56
Snap-On ha scritto:
AlphaPapa ha scritto:
:grazie:
Ho letto tutto veramente con interesse, dal punto di vista d'un ignorante di aviazione storica come sono io questo thread è una lettura avvincente.

Questo poi non me l'aspettavo:

Il Re.2006 trasportato a Taliedo venne preso in carico dall'Aviazione del C.L.N. (non rida è realmente esistita)

Non avrei mai immaginato l'esistenza di una aviazione del CLN. Qualcuno ha dettagli in merito?


Per quello che sono a conoscenza, il significato è che molti gruppidi attivisti partigiani erano maestranze che lavoravano nelle fabbriche (FIAT , MAcchi, Ansaldo , Reggiane) e fecero in modo che le attrezzature, i magazzini e parti assemblate non venissero distrutte dai tedeschi, in maniera da poter disporre ancora di una credibilità industriale e lavorativa sul territorio al termine del conflitto. In alcuni libri che raccontano le vicende dell'aprile-maggio del '45 ci sono numerosi episodi in cui si riporta avvenimenti del genre , sopratutto in fabbriche "strategiche" come le officine motoristiche della FIAT , le officine di Aermacchi e Caproni a Lonate Pozzolo e gli impianti della Piaggio a Pontedera.

Il concetto di "aviazione del CNL" nel senso di aviazione da combattimento come potrebbe essere intesa , non si è mai realizzato.

...

Steve



Pure io non mai letto di attività operative del CNL in campo aeronautico, salvo un paio di episodi:
- l'allestimendo da parte dei partigiani di un piccolo campo di volo per le operazioni dei Lysander RAF, nel cuneese se ben ricordo;
- un volo effettuato subito dopo il 25 aprile (credo l'indomani) da un S.79 dipinto appositamente di rosso decollato se non erro da uno degli aeroporti del varesotto per il lancio di volantini dei partigiani.
Spero di ricordarmi correttamente, non ho modo ora di verificare sui sacri testi.
ciao
Paolo


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 27/10/2010, 7:07 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Sono andato a rivedere un vecchi articolo di Aerofan e IASB. In effetti non esiste alcuna testimonianza riguardo un'"aviazione del CLN". Risultano episodi di sequestro delle attrezzature per salvaguardare il valore industriale delle varie fabbriche e un volo (probabilmente quello descritto nel post di Fulckrumk) sopra Milano nei giorni immediatamente dopo il 25 aprile per il lancio di volantini.

Ritornando al discorso sul RE2007, in effetti la letteratura sull'argomento è davvero poca e comunque datata . Credo che sia stata un'idea che comunque non sarebbe stato possibile realizzare nel contesto in cui operava la Reggiane e la Caproni all'epoca.

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 30/12/2017, 23:32 
Community Member
Community Member
Non connesso
Non indicato
Iscritto il: 30/12/2017
Messaggi: 1
Buonasera a tutti.
Ho trovato con piacere i vostri post sul "RE 2007".
Vero è che li ho trovati in ritardo ma, come si suol dire, meglio tardi che mai.
Sono il creatore del sito che in un post, mi pare, viene citato: Reggiane! Reggiane!
Purtroppo per diversi motivi ho dovuto abbandonarlo e neppure sapevo che fosse citato in Wikipedia.
Nel Novembre del 2000 ebbi a parlare, sul mio sito, proprio del 2007....
Il 2006 è una storia incredibile. Ho avuto il piacere di assistere un giovanissimo Barteletti nella fase finale della sua ricerca e fra Reggio e Correggio abbiamo fatto incontri incredibili.
Il secondo trittico che Barteletti presenta nel suo libro era inedito e fu proprio Barteletti a trovarlo negli archivi dell'US della AM in una cartella intitolata ..... RE2005!
Fino a quel momento nessuno dei tanti ricercatori di professione l'aveva trovata.
Beh grazie per avermi riportato indietro nel tempo a momenti bellissimi.
Viva le Reggiane!
Un augurio di buon 2018 a tutti.

Massimo Cappone
http://www.reocities.com/CapeCanaveral/...E2006.html


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Reggiane RE2007
 Messaggio Inviato: 06/01/2018, 7:52 
A&P Troubleshooter
A&P Troubleshooter
Avatar utente
Non connesso
Uomo
Iscritto il: 20/03/2008
Messaggi: 14863
Località: Dubai U.A.E:
Età: 59
Max56 ha scritto:
Buonasera a tutti.
Ho trovato con piacere i vostri post sul "RE 2007".
Vero è che li ho trovati in ritardo ma, come si suol dire, meglio tardi che mai.
Sono il creatore del sito che in un post, mi pare, viene citato: Reggiane! Reggiane!
Purtroppo per diversi motivi ho dovuto abbandonarlo e neppure sapevo che fosse citato in Wikipedia.
Nel Novembre del 2000 ebbi a parlare, sul mio sito, proprio del 2007....
Il 2006 è una storia incredibile. Ho avuto il piacere di assistere un giovanissimo Barteletti nella fase finale della sua ricerca e fra Reggio e Correggio abbiamo fatto incontri incredibili.
Il secondo trittico che Barteletti presenta nel suo libro era inedito e fu proprio Barteletti a trovarlo negli archivi dell'US della AM in una cartella intitolata ..... RE2005!
Fino a quel momento nessuno dei tanti ricercatori di professione l'aveva trovata.
Beh grazie per avermi riportato indietro nel tempo a momenti bellissimi.
Viva le Reggiane!
Un augurio di buon 2018 a tutti.

Massimo Cappone
http://www.reocities.com/CapeCanaveral/...E2006.html



I caccia della. reggiane sono sempre un interessante argomento di discussione!

Se hai altre info o argomenti nuovi riguardo il Re 2007 o il Re2006 continua pure la discussione senza problemi!


......

Steve

_________________
Noi volatori stanchi
Senza pista d'atterraggio
Che per inerzia o per fortuna
Ci troviamo sempre in viaggio ......


Immagine


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ] 

Indice  »  Historical and Military Aviation Area  »  Aviation History and Warbirds


 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a: